Marche Biscuits, "Stavolta rimaniamo a casa": diretta di 24 ore per dare voce ai marchigiani

24 ore insieme a Radio Incredibile e il gruppo Radio Arancia per dare voce alla nostra Regione

Dopo il successo dell'edizione di Gennaio, Radio Incredibile ripropone il progetto Marche Biscuits per dare voce a una regione che combatte. E stavolta Radio Incredibile, la più importante Digital Radio della Regione, sarà affiancata dal gruppo Orange , Radio Arancia, Radio Veronica, Radio Velluto, Radio Conero il più importante gruppo radiofonico delle Marche. Dalle 11 di sabato 21 marzo alle 11 di domenica 22 marzo Radio Incredibile e il Gruppo Radio Arancia saranno in diretta  24 ore con tutte le voci della Regione Marche.

Una lunga maratona per raccontare le tante realtà della nostra Regione che in questo momento stanno soffrendo maggiormente la pandemia Coronavirus: personale sanitario, lavoratori indifferibili, operatori economici, artigiani, operatori culturali, piccole imprese, negozianti, ristoratori, docenti, genitori e  tutti i cuori dei marchigiani. Una lunga diretta radiofonica e video con diretta su Facebook per raccontare queste realtà. Tutti in diretta, ciascuno ovviamente dalla proprio casa. Ognuno potrà raccontare la propria attività, quello che sa fare la prima cosa che vorrà fare quando tutto questo sarà finito. Si farà tutto in smart working: sarà necessario avere Skype e un dispositivo collegato a internet, pc con un microfono/cuffie per parlare e una webcam per farti vedere oppure uno smartphone o un tablet. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

  • Pauroso incidente a Sappanico, dell'auto rimane solo la carcassa

  • «Democrazia sospesa dai Dpcm, ora querele contro chi li applica: polizia e sindaci»

Torna su
AnconaToday è in caricamento