menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cartografia di Jesi e del territorio, l'originale mostra a Palazzo della Signoria

La mostra viene proposta durante il Palio di San Floriano per permettere una ampia partecipazione

Palazzo della Signoria ospita da domani (venerdì 3 maggio) e per due settimane una interessante mostra storica del nostro territorio, attraverso l’esposizione di carte geografiche, atlanti, stampe, mappe e piante della città di Jesi, tutti facenti parte del pregevole e consistente patrimonio di fondi della Biblioteca Planettiana che è curatrice dell’iniziativa.

La mostra viene proposta durante il Palio di San Floriano per permettere una ampia partecipazione. Si tratta infatti di uno straordinario viaggio nel tempo che porterà il visitatore a spaziare dall’epoca romana, con le stampe dell’opera di Strabone e la Tabula Peutingeriana (la prima copia italiana venne realizzata proprio a Jesi), fino all’800. Si potranno scorgere le continue dispute tra i comuni di Jesi e Ancona con le due mappe del XV secolo (una, straordinaria, in pergamena) che servivano a stabilire una volta per tutte i confini tra le due contendenti. Alcune rappresentazioni della città del '700, e piante topografiche del secolo successivo, mostrano scorci del centro urbano completamente diversi dai giorni nostri, come lo storico Vallato o l’antica Porta Romana con la scritta “Vetus Urbs Regia Aesium”. Infine gli splendidi catasti privati, disegnati con una maestria e meticolosità unica, sono delle vere e proprie opere d’arte da ammirare e rimanere stupefatti. La mostra, ad ingresso gratuito, è aperta il lunedì mattina dalle ore 9 alle ore 13, dal martedì al venerdì anche nel pomeriggio dalle ore 15 alle ore 19. Previste anche visite guidate a pagamento (al costo di € 3,00) il martedì mattina e il sabato pomeriggio.

In occasione della mostra è prevista anche, presso la sala maggiore di Palazzo della Signoria, una conferenza giovedì 9 maggio, alle ore 18.00, sulle figure di Vincenzo Coronelli (autore dei due planetari del 1698 ospitati nella sala Planettiana) e Giuseppe Pianetti, fondatore della Biblioteca Planettiana, con la partecipazione di Carlo Pongetti, ordinario di Geografia all’Università di Macerata e Gilberto Piccinini, presidente della Deputazione di Storia Patria delle Marche.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rione Pinocchio, perché si chiama così? (La statua non c’entra)

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento