Da Ancona a Fano su due ruote, tutti in sella per riscoprire la “Ciclovia Adriatica”

Una "biciclettata" di cittadini che quotidianamente si muovono combinando la bicicletta con i trasporti pubblici, sia per spostamenti urbani che per tratte più lunghe, e un'occasione per conoscere la Ciclovia

Il 2 Giugno si terrà la biciclettata Adriatica che vede la città di Ancona come punto di partenza per questa significativa manifestazione in bicicletta che arriverà fino a Fano, percorrendo un tratto della Ciclovia Adriatica, pedalando preferenzialmente sulle ciclabili esistenti e strade a basso traffico.

Questa iniziativa organizzata da Bicipiù Chiaravalle e For-Bici Fano (associazioni aderenti alla FIAB,  Federazione Italiana Amici della Bicicletta) in collaborazione con una cordata di associazioni tra cui Ancona Social Club, ActionAid, Aics e tante realtà associative coinvolte nella tratta da Ancona a Fano, non sarà la solita biciclettata di alcuni ciclisti amanti delle due ruote, ma di cittadini che quotidianamente si muovono con la bicicletta, sia per spostamenti urbani che per tratte più lunghe, combinando la bicicletta con i trasporti pubblici.

“La biciclettata Adritica serve a far conoscere e promuovere la Ciclovia Adriatica (itinerario 6 di Bicitalia, progetto Ve.Le, CiPA..) interessando in pieno la regione Marche” spiegano i responsabili di Polisportiva Ancona Social Club, ActionAid e AICS. “Prima dell’opera vera e propria, questa iniziativa ha messo in comunicazione una serie di soggettività, di associazioni, che condividono i medesimi obiettivi: una mobilità nuova, fatta più di trasporti pubblici, di strade più a misura di pedone e bicicletta, e progetti come Ve.Le., a promozione del cicloturismo, un fenomeno in espansione su tutto il territorio nazionale.
Il 2 Giugno è un occasione per passeggiare tutti insieme e dar vita ad un’iniziativa senza precedenti per la città, ed invitiamo chi ne condivida lo spirito ad unirsi a questa grande passeggiata in bicicletta tutti insieme”.

La giornata si articolerà in questo modo:

Partenza ore 08:00, piazza Cavour, ANCONA
Ore 08:25 Ancona, Stazione Fs di Torrette AN
Ore 09:00 Falconara, Stazione Fs
Ore 09:30 Montemarciano, colonia Avis
Ore 10:30 Senigallia, Rotonda a Mare
Ore 11:20 Marotta, P.zza Kennedy
Ore 11:45 Torrette di Fano, giardini Tonucci
Ore 12:15 Fano, Capannoni carnevale
Ore 13:00 Fano, Piazza XX Settembre

I partecipanti all’iniziativa possono unirsi in qualsiasi punto del tratto indicato e arrivare dove vogliono, possono utilizzare i treni regionali per raggiungere la meta e per rientrare, trasportando gratuitamente la bicicletta. In ogni tappa vi saranno dei punti ritrovo dove i ciclisti potranno registrarsi e ristorarsi.

La manifestazione è di carattere nazionale, in contemporanea si svolgerà in diversi tratti della costa adriatica: da Rimini partirà un gruppo di ciclisti che faranno il percorso scendendo fino a Fano; analoga iniziativa si terrà in Abruzzo, altre in Puglia.

“Auspichiamo che Ancona vada in questa direzione scegliendo di investire sulla mobilità nuova ad esempio sistemando le piste ciclabili esistenti, attuando delle Zone30 in modo da tutelare ciclisti, pedoni con le automobili,  incentivi sull’ acquisto di biciclette tradizionali, pieghevoli ed elettriche, sviluppare con i trasporti urbani un piano intermodale che combini la bicicletta con i mezzi pubblici per superare la conformazione territoriale, collegando la parte Sud della città con la parte Nord, creare un tratto ciclabile sulla Flaminia per collegare i quartieri e i Comuni limitrofi. Uno stimolo forte per una città che sia più sostenibile dal punto di vista della mobilità.” Concludono le associazioni locali aderenti.

L’iniziativa è patrocinata dalla Regione Marche, il CONI Regionale, le Province di Ancona e Pesaro e Urbino, i Comuni attraversati, Legambiente Marche Onlus ed il Parco naturale del monte San Bartolo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, arriva un assaggio d'inverno: maltempo, freddo e anche la neve

  • Scarpe Lidl, mania anche ad Ancona: scaffali svuotati in mezz'ora, maxi rivendite

  • Zona arancione, per Acquaroli non basta: «Presto ordinanza anti-assembramento»

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

Torna su
AnconaToday è in caricamento