Eventi

Ancona By Wine 2022, l’attesa è finita: scattano mostra mercato, concerti e degustazioni

Dopo l’antipasto del venerdì, la kermesse entra ufficialmente nel vivo. Nei luoghi simbolo della città i principali eventi

ANCONA- Proseguirà fino a domani (28 agosto) a tarda sera Ancona By Wine 2022 “degustare il territorio” inaugurata ieri dalle Autorità all'Arco di Traiano con un brindisi augurale.

Organizzata dal Comune di Ancona e dall’Associazione Italiana Sommelier (AIS Marche), patrocinata dal Ministero alle Politiche Agricole e supportata da partner istituzionali, la manifestazione entra nel vivo oggi con la Mostra Mercato in corso Garibaldi (ore 18-23, che impegna quasi 40 viticoltori della regione ed alcun “ospiti. Il programma contempla una serie di degustazioni guidate, i Salotti del gusto (FOTO della prima degustazione, ieri pomeriggio, alla Caserma Villarey) nei luoghi simbolo della città, oltre a Villarey, alla Mole, alla Terrazza del Museo archeologico; ll vino e l’arte conferenze e visite guidate al Museo Archeologico e alla Pinacoteca comunale Podesti e gli appuntamenti con la musica dal vivo che si svolgeranno in piazza Roma.

Il primo stasera vedrà sul palco di Piazza Roma dalle ore 21,30 la vivace Baro Drom Orkestar. Domani sera, a chiudere la kermesse, ci sarà un’altra ottima band, i Rumba de Bodas. Entrambi i concerti a ingresso libero. Di “Vitigni e cambiamenti climatici” si è parlato ieri pomeriggio al convegno introduttivo a Villarey, con una relazione a cura della prof.ssa Oriana Silvestroni, docente dell'Università Politecnica delle Marche. La docente ha ripercorso il fenomeno dell'incremento delle temperature medie negli ultimi decenni, che hanno subito una impennata, come noto, in questa stagione estiva, mettendo in evidenza la condizione di stress multiplo che ha afflitto la pianta della vite. Assieme alla carenza idrica l'incremento dell'irraggiamento e del calore ha messo in moto un meccanismo deleterio che ha causato l'anticipo della maturazione dell'uva e quindi della vendemmia, l'aumento di concentrazione zuccherina, la diminuzione della acidità del mostro e altro ancora. Per adattarsi al nuovo contesto climatico i produttori sono costretti ad interventi quali modifiche del sito e di vitigni e di sistemi di allevamento. A questo intervento è seguito quello del prof. Davide Neri, Direttore del Dipartimento di Agraria UNIVPM e un saluto del presidente AIS Marche.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ancona By Wine 2022, l’attesa è finita: scattano mostra mercato, concerti e degustazioni
AnconaToday è in caricamento