Arriva “Wastebay”, il portale che trasforma i rifiuti in opportunità

Il sito, patrocinato dalla Regione Marche e dal Comune di Ancona, debutterà domani alla fiera internazionale sullo sviluppo sostenibile "Ecomondo" a Rimini

Riutilizzo, riciclaggio, recupero: queste sono le nuove parole d’ordine del rifiuto, che trova sempre nuove strade (e nuove vite) alternative a quella che conduce in discarica, per trasformarsi da pericolo per l’ambiente a opportunità economica.

Accade dunque che Andrea Pasin e Simone Brunetti, da anni attivi professionalmente nel settore, hanno un’idea semplice e nello stesso tempo geniale, tanto da venire subito patrocinata dalla Regione Marche e dal Comune di Ancona, ovvero “Wastebay”,  una sorta di “ebay dei rifiuti” per far incontrare gli operatori del mercato che si occupano di gestione e riciclaggio in tutti e due i sensi: sia chi ha bisogno di vendere al miglior prezzo possibile, sia chi deve smaltire e vuole cercare di ridurre i costi.
Il sito è stato presentato ieri in conferenza stampa e debutterà ufficialmente a partire da domani a “Ecomondo”, la fiera internazionale sullo sviluppo sostenibile che si terrà a Rimini dal 9 al 12 novembre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

COME FUNZIONA. Wastebay è un servizio pensato per operatori professionali (partite Iva e aziende, dunque, niente persone fisiche), che possono registrarsi gratuitamente e inserire la propria offerta, corredata di tre foto rappresentative e tutte le informazioni che servono per valutarla: prezzo, data di inizio e data di fine incanto. Le aste possono essere di tre tipi: al rialzo (classica, vince il miglior offerente), al ribasso (per chi cerca un servizio al minor costo possibile) e a prezzo fisso (il “compralo subito”, per capirci). Per inserire un annuncio si spendono 80 euro, ma solo se c’è almeno un offerta confermata da parte dell’acquirente; non sono invece previste commissioni di nessun tipo sull’affare concluso.
Un sistema di feedback e di segnalazione frodi consente poi di creare un ambiente controllato, grazie all’attiva collaborazione degli utenti.

Il progetto è ambizioso e intende crescere, diventando anche un punto di riferimento per i vettori che operano nel settore e, più in generale, un canale di educazione civica aperto a tutti sulle tematiche dei rifiuti.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento