Dalle piante carnivore al recupero della visciola: ecco gli Oscar Green 2013

C'è chi coltiva piante carnivore made in Italy, chi manda avanti la cantina con l'energia geotermica, chi ha recuperato il vino di Ulisse e chi insegna ai bambini la campagna con gli orti didattici

C’è chi coltiva piante carnivore made in Italy e prepara prati pret a porter, chi manda avanti la cantina con l’energia geotermica, chi ha recuperato il vino di Ulisse e chi insegna ai bambini la campagna con gli orti didattici.
Sono alcune delle idee innovative anti-crisi premiate con gli Oscar Green 2013, i riconoscimenti assegnati da Coldiretti Giovani Impresa Marche alle imprese under 30 capaci di conquistare i mercati con prodotti originali e all’avanguardia.

La cerimonia di consegna, con il patrocinio della Fondazione Salvati, si è svolta a Villa Salvati di Monte Roberto (Ancona), sede dell’istituto professionale per l’agricoltura, e sono stati proprio gli studenti e “aspiranti agricoltori” ad accompagnare i vincitori. “Un concorso che mira a mettere in luce la grande capacità creativa dei giovani imprenditori agricoli - ha sottolineato la delegata regionale della Coldiretti, Maria Letizia Gardoni – che con le loro idee stanno rendendo concreto un nuovo modello di sviluppo valido per l’intero territorio marchigiano”.

GLI OSCAR. Per la categoria “Stile e cultura d’impresa” la vittoria è andata ad Alessandro Magagnini, della società agricola Fiore dei Fiori di Recanati, che ha lanciato la coltivazione delle prime piante carnivore made in Italy. Una produzione nata inizialmente quasi per scherzo e poi sviluppatasi fino a contare decine di tipi di essenze differenti, molte delle quali autoctone. Ma l’imprenditore recanatese ha presentato anche un prato “pret a porter” che cambia colore a seconda delle stagioni. Una vera e propria “tovaglia” dello spessore di 5-6 centimetri pensata per chi vive in città ma non vuole rinunciare al verde, peraltro resistentissimo grazie alla presenza di un’essenza tipica, il Garofanino di montagna, che Alessandro ha riscoperto e recuperato.

E’, invece, una cantina completamente ecocompatibile quella realizzata da Nico Speranza, giovane produttore vinicolo che a un impiego come tecnico in Veneto ha preferito il verde di Monsampietro Morico, nel Fermano, vincitore di “Ideando”. L’energia è assicurata da un impianto geotermico e da uno fotovoltaico, che consentono anche un abbattimento dei costi e delle emissioni di anidride carbonica, mentre rame, zolfo e micro-ossigenazione tutelano la qualità di uve e nettare di Bacco.

Viene, invece, direttamente dall’Odissea l’idea di Martina Buccolini di produrre un vino di giuggiole, sulla scorta di quello assaggiato da Ulisse nell’isola dei lotofagi. Un vino che necessita di ben tre anni per essere fatto. Martina, con l’azienda agricola Si.Gi. di Macerata si è aggiudicata il premio “Esportare il territorio”, grazie all’opera di recupero della biodiversità, riportando in vita antiche ricette e frutti scomparsi. Ne sono un esempio le confetture, i sott’olio e le salse vendute in tutto il mondo, di cui l’ultimo esempio è un condimento preparato riscoprendo le erbe di campo.

Un impegno che l’accomuna a un’altra ragazza, Elisa Cardinali, delle Cantine del Cardinale di Serra de’ Conti, premiata per “Campagna Amica”. Elisa ha puntato tutto su un altro frutto sino a qualche tempo fa dimenticato, la visciola. Da qui è partita per produrre un formaggio di pecora e di capra alle visciole, ma anche una birra, dei dolci (panettoni e colombe comprese), cioccolatini, vino e grappa, seguendo antiche ricette. Un impegno promosso attraverso la vendita diretta nella rete di Campagna Amica della Coldiretti.

Ha fatto, invece, il bis Paolo Guglielmi, dell’azienda agricola Il Lago nella valle di Monte San Vito, che per il secondo anno consecutivo si aggiudica la categoria Non solo agricoltura. Giovane romano che qualche tempo fa ha deciso rinunciare al sogno di fare il broker per mollare tutto e venire nelle Marche per fare l’agricoltore, Paolo è un esempio di fattoria didattica e sociale. L’ultima iniziativa è quella degli orti per bambini, dove seguire il ciclo delle piante dal seme fino alla raccolta del frutto, ma anche costruire giocattoli con legno riciclato, giocare alla “zappa al tesoro”, stampare usando le foglie, seguendo il metodo Montessori.

Il legame con il territorio è il valore aggiunto di Giuseppe Chiumenti, premiato per “In filiera” con la sua cooperativa La Marca. Una realtà, quella di Muccia (Macerata) dove viene prodotta pasta fatta con grano maceratese. Venti agricoltori soci che, dinanzi alle speculazioni e alla importazioni di prodotto dall’estero, si sono messi assieme per valorizzare il proprio grano, puntando su qualità e origine.

All’iniziativa hanno preso parte anche il presidente di Coldiretti Ancona, Emanuele Befanucci, il direttore di Coldiretti Marche, Costante Arosio, il sindaco di Monte Roberto, Olivio Togni, il Dirigente dell’Istituto “E. Pieralisi” di Jesi, Mario Crescimbeni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz in via 25 Aprile, Carabinieri e Polizia in massa blindano la strada: 4 arresti

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

  • Pauroso incidente a Sappanico, dell'auto rimane solo la carcassa

Torna su
AnconaToday è in caricamento