Vertenza Whirpool, Fede (M5s): «Ricollocazione e zero esuberi, intesa è un cambio di rotta»

Il commento del senatore Giorgio Fede rispoetto all'accordo tra Ministero dello Sviluppo Economico, azienda e sindacati

«Il governo del cambiamento alla sua nascita si era posto un obiettivo prioritario mediante il "contratto": invertire la rotta rispetto a cattive pratiche consolidatesi con gli esecutivi del passato. Tra queste, c'era indubbiamente quella delle delocalizzazioni selvagge che tanto hanno danneggiato il tessuto produttivo del nostro paese. L'accordo di ieri raggiunto al Mise grazie all'opera del vicepremier Di Maio tra Whirlpool e sindacati segna un cambio di passo significativo. Oltre agli 800 esuberi scongiurati, infatti, il trasferimento dalla Polonia allo stabilimento marchigiano di Comunanza della produzione di lavatrici e delle lavasciuga a incasso rappresenta un primo felice caso di "rilocalizzazione". Si parla tanto in questi giorni di misure per la crescita, cosa c'è di meglio su questo fronte di operazioni simili?».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Così Giorgio Fede, senatore M5s rispetto all'accordo raggiunto tra il Ministero dello Sviluppo Economico, Whirpool e sindacati. «Da senatore eletto nel sud delle Marche - prosegue Fede - non posso nascondere la soddisfazione per un'intesa trovata dopo un calvario che durava dal 2013: essa è pura linfa per un territorio in crisi come quello ascolano. Il lavoro fatto insieme ai colleghi deputati Cataldi e Silvestri per evitare l'irreparabile mi rende orgoglioso. Sapere che il sito di Comunanza rimarrà un caposaldo della produzione industriale nell'area rappresenta un volano importante per tutta l'economia marchigiana. Dopo l'approvazione del decreto Dignità in estate, il governo dà conferma che anche sul delicato fronte delle crisi aziendali si è intrapresa la strada giusta». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento