menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dopo i sacchetti, gli imballaggi di plastica: una nuova tassa in arrivo

Il Commissario Ue al Bilancio Guenther Ottinger proporrà settimana prossima "una legislazione fiscale più incisiva" per proteggere l'ambiente dai rifiuti in plastica. Ancora non è chiaro se a pagare saranno i produttori o i consumatori

Una "tassa sulla plastica" per difendere "mari, animali, pesci, mammiferi e paesaggi" dall'inquinamento. Il Commissario europeo al Bilancio, il tedesco Guenther Ottinger, ha promesso per la settimana prossima il lancio di una proposta volta a "creare stimoli alla riduzione di quantità di plastica attraverso una legislazione fiscale più incisiva".

Pagano i produttori o i consumatori?

Il Commissario non ha voluto però chiarire questa tassa colpirà i produttori oppure i consumatori. "Dobbiamo vedere come ridurre la quantità generale di plastica, se partiamo dalla fabbricazione o alla fine della catena di consumo", ha affermato.

Possibili deroghe

Tuttavia la Commissione lascia aperta la porta a delle "deroghe" quando l'uso della plastica rientra "nell'interesse generale" come nel caso del latte o per motivi di igiene. "Tutto questo lo esamineremo nei prossimi giorni in vista della comunicazione della prossima settimana. Senz'altro ci vorrà tempo per trovare un equilibrio", ha concluso Oettinger. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento