rotate-mobile
Giovedì, 29 Febbraio 2024
Economia

Donne sottopagate e giovani con contratti precari. Le Marche maglia nera per il lavoro: uno su tre ha un part-time

E' la fotografia stilata dall'Ires Cgil su dati Inps. Nella regione i lavoratori è come se avessero una mensilità e mezzo in meno rispetto al resto dell'Italia.Tira l'edilizia, male calzature e abbigliamento

ANCONA – Giovani con contratti precari e bassi e donne sottopagate rispetto agli uomini. E' il quadro che emerge per le Marche e fotografato dall'analisi dell'Ires Cgil, l'istituto di ricerca economica e sociale, su dati Inps dal 2011 al 2021, relativi agli stipendi di dipendenti privati. Per la regione non emerge un quadro rincuorante. Stando alla stima oltre il 65% dei giovani è senza futuro e percepisce uno stipendio lordo medio di 11mila euro l'anno. Le donne? A loro vanno 7mila euro in meno rispetto alla stessa figura professionale di un uomo. Il dato invita a far riflettere e a far cambiare le cose. «In 10 anni si sono persi il 20% di giovani con contratti stabili e il 10% complessivo dei tempi pieni ed indeterminati – osservano  Giuseppe Santarelli, segretario generale Cgil e Rossella Marinucci, segretaria regionale e responsabile del mercato del lavoro -. Il binomio salari bassi e precarietà è la prima causa della fuga dei giovani. Ma, in generale, il problema dei salari è che restano bassi e insufficienti rispetto al carovita. E’ tempo che, su questa partita, si promuovano interventi e azioni precise». Nel 2021 nelle Marche risultano occupati 440.867 lavoratori dipendenti privati, oltre 14mila in più rispetto all’anno precedente (+3,5%) e 7mila in più dal 2019 (+1,7%) . Un aumento dovuto soprattutto all’effetto rimbalzo verificatosi dopo il 2020, il quale ha stimolato una crescita significativa in determinati settori. Osservando le tipologie contrattuali emerge che 144mila lavoratori, uno su tre, hanno un rapporto di lavoro part-time. I lavoratori con contratto di lavoro a termine sono 105mila, pari al 23.9% dei lavoratori complessivi. I lavoratori a tempo indeterminato sono 319mila, sostanzialmente stabili sia rispetto al 2020 che al 2019 mentre si registra una contrazione del 2,5% in 10 anni. I lavoratori stagionali sono 16mila, pari al 3,6% del totale, ma al contempo sono quadruplicati in 10 anni. Coloro che hanno un contratto a tempo pieno e indeterminato sono 226mila, pari al 51,4%, ovvero poco più della metà del complesso dei lavoratori dipendenti (erano il 52,8% nel 2020 e il 60% nel 2011) e sono 27mila in meno rispetto a 10 anni fa (-10,6%). Rilevante il numero dei lavoratori in somministrazione e con contratti intermittenti.

Le retribuzioni medie lorde annue percepite nelle Marche sono pari a 19.434 euro e rispetto al 2020 registrano un aumento di 1.353 euro, pari a +7,5%, valori ancora significativamente inferiori al valore medio delle regioni del Centro (con una differenza di 1.607 euro) e soprattutto a quello medio nazionale (-2.434 euro). E’ come se i lavoratori delle Marche percepissero una mensilità e mezzo di retribuzione in meno della media nazionale. Un numero significativo di lavoratori percepisce una retribuzione inferiore a 15.000 euro: sono 179mila lavoratori e lavoratrici, pari al 40,8% del totale. Di questi, 126mila percepiscono addirittura meno di 10.000 euro (28,7%).
Il calzaturiero-abbigliamento è l’unico settore che, nella ripresa generale del 2021, ha avuto una tendenza negativa, registrando una perdita della forza lavoro dell’1,6% rispetto al 2020. L’edilizia è il settore che ha rilevato l’aumento più significativo dei lavoratori: +17,9% dal 2020 e +22,8. Lo scenario cambia nel confronto di lungo periodo, ovvero con il 2011: l’industria manifatturiera perde il 7,7% dei lavoratori e delle lavoratrici mentre il terziario registra un aumento del 15,3%. La contrazione maggiore si osserva nel calzaturiero, che rileva un calo di 15 mila unità (-33%); dall’altra parte, crescono in misura rilevante i lavoratori dipendenti impiegati nell’istruzione (+58,2%), nell’assistenza sociale e sanitaria (+46%) e nell’attività informatica, ricerca, studi professionali (+34,4%).
Le lavoratrici sono 193mila, pari al 44%: più della metà di queste ha un lavoro a tempo parziale (50,5% del totale) e solo una su tre ha un lavoro a tempo pieno e indeterminato (34,3%, a fronte di una percentuale del 64,8% per gli uomini).

I settori con un’elevata incidenza di lavoro femminile sono anche quelli con una elevata incidenza di lavoro a tempo parziale e la ripresa dell’occupazione non ha coinvolto allo stesso modo uomini e donne. Sono significative anche le differenze retributive tra uomini e donne: le retribuzioni medie lorde annue dei lavoratori ammontano a 22.662 euro, a fronte dei 15.321 euro delle lavoratrici: queste ultime, dunque percepiscono mediamente 7.341 euro meno dei loro colleghi maschi, ben il 32,4% in meno. L’incidenza di contratti precari o a tempo parziale giustifica solo in parte il divario retributivo tra uomini e donne, visto che le lavoratrici con contratto a tempo pieno e indeterminato percepiscono 4.782 euro lordi annui in meno dei loro colleghi maschi (- 16,5%). I giovani, duramente penalizzati dal crollo dell’occupazione nel 2020, nella ripresa hanno registrato una risposta migliore rispetto alle altri classi di età, ma il precariato incide maggiormente su di loro. Ad avere un contratto di lavoro a tempo pieno e indeterminato è la metà dei lavoratori nel loro complesso, ma il dato si abbassa al 34,6% negli under 30. Il 40,3% di questi, inoltre, ha un contratto di lavoro a tempo determinato, contro il 23,9% dei lavoratori nella loro totalità. A lavorare a tempo parziale, inoltre, è il 39,1% dei giovani, contro il 32,9% dei lavoratori totali. Tra il 2011 e il 2021 si è notevolmente ampliata la forbice tra i dati riferiti agli under 30 e i dati che riguardano alla totalità dei lavoratori. I lavoratori marchigiani con meno di 30 anni percepiscono una retribuzione lorda media annua di 11.389 euro, circa 8 mila euro in meno rispetto all’importo medio dei lavoratori dipendenti privati nel complesso. I giovani con un lavoro a tempo parziale percepiscono mediamente retribuzioni di 7.341 euro lordi annui, mentre quelli che hanno un contratto di lavoro a tempo determinato percepiscono mediamente 7.164 euro lordi annui.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donne sottopagate e giovani con contratti precari. Le Marche maglia nera per il lavoro: uno su tre ha un part-time

AnconaToday è in caricamento