Economia

Indesit, i sindacati: “Sì alla piattaforma, ma l’azienda resti in Italia”

Questa la posizione espressa dal coordinamento sindacale Fim, Fiom e Uil di tutti i siti Indesit in Italia, riunito a Roma. "Attendiamo di verificare la disponibilità e le intenzioni dell'azienda al tavolo ministeriale"

Sì al progetto di piattaforma di innovazione per il comparto degli apparecchi domestici e professionali presentata dalla Regione Marche, che potrebbe permettere di salvare lo stabilimento Indesit di Melano. Ma bisogna che il gruppo fabrianese del bianco resti con le sue produzioni in Italia. Questa la posizione espressa dal coordinamento sindacale Fim, Fiom e Uil di tutti i siti Indesit in Italia, riunito a Roma.

“Attendiamo di verificare la disponibilità e le intenzioni dell'azienda al tavolo ministeriale del 23 settembre - dice Andrea Cocco, Fim Cisl Marche -, ma la nostra linea resta questa”.
I sindacati parteciperanno ad un incontro al Ministero dello Sviluppo Economico il 17 settembre: in quella sede - spiega Cocco – “parleremo degli altri incontri ministeriali, uno con l'azienda, l'altro con le Regioni”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Indesit, i sindacati: “Sì alla piattaforma, ma l’azienda resti in Italia”

AnconaToday è in caricamento