Tariffa puntuale dei rifiuti, Cna Ancona: «Si, ma senza costi»

La CNA di Osimo, quindi, vuole rimarcare la necessità di una diminuzione della Tari

foto di repertorio

OSIMO – «L’annuncio dell’avvio di una sperimentazione di raccolta dei rifiuti della parte indifferenziata attraverso un sistema di controllo puntuale può essere un’opportunità, a patto che non porti un innalzamento dei costi per le imprese. Tale modalità, infatti, deve portare a una diminuzione dei costi della Tari che a oggi è una delle tasse più rilevanti in termini di costo per le attività economiche, in particolare per quelle di somministrazione di alimenti. La tariffa puntuale, calcolata attraverso un sistema informatizzato di conferimento, è sicuramente una operazione di equità, ma il timore è che l’investimento iniziale per partire con questa modalità sia riversato sui contribuenti, in particolare sulle imprese». La CNA di Osimo, quindi, vuole rimarcare la necessità di una diminuzione della Tari e per tale ragione ritiene necessario che l’eventuale adozione di questa nuova modalità di conferimento non comporti costi aggiuntivi alle imprese e cittadini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Un eventuale adozione di un sistema di raccolta puntuale ha sicuramente alcuni vantaggi, come l’equità per i contribuenti, ma deve essere valutato attentamente – commenta Andrea Cantori, segretario della CNA di Osimo e dell’Unione Alimentare provinciale – alcune attività, penso per esempio a quelle del commercio alimentare, potrebbero avere delle ripercussioni in termini di costi. Inoltre il sistema dovrà avere una infrastruttura che costituisce un investimento, questi costi non possono assolutamente ricadere, in questo delicato momento economico, sulle imprese – conclude Cantori – Auspichiamo che prima di ogni decisione in merito vi sia un confronto con le parti sociali, per evitare polemiche come nel caso delle cartelle Tari del 2017».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento