Coldiretti Marche: crescita boom del biologico, nella nostra Regione +8%

Crescono i produttori biologici che fanno segnare un aumento dell’8 per cento rispetto all’anno precedente. Ad annunciarlo è la Coldiretti sulla base del nuovo rapporto Sinab 2014

Crescono i produttori biologici che fanno segnare un aumento dell’8 per cento rispetto all’anno precedente. Ad annunciarlo è la Coldiretti sulla base del nuovo rapporto Sinab 2014, secondo il quale gli operatori bio nella nostra regione sono saliti da 2.007 a 2.162. Ma un vero e proprio boom si registra a livello di produttori-trasformatori (+56 per cento, da 141 a 220), a conferma del sempre maggiore impegno delle aziende agricole marchigiane verso esperienze di filiera corta, dal campo alla tavola, capaci di far fronte alla grande richiesta di prodotti biologici, unico settore a far segnare una crescita in tempi di crisi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Basti ricordare, sottolinea Coldiretti, che nei primi cinque mesi del 2014 gli acquisti domestici di biologico confezionato sono aumentati del 17 per cento in valore, il più alto degli ultimi dodici anni, secondo Ismea, mentre nello stesso periodo la spesa agroalimentare è risultata in flessione (-1,1 per cento). “Oggi l’agricoltura biologica – sottolinea Tommaso Di Sante, presidente di Coldiretti Marche - rappresenta una grande opportunità, un modello vincente che non solo rispetta l’ambiente, tutela la biodiversità e la salute ma che crea nuove  prospettive occupazionali per tantissimi giovani”. Il consiglio della Coldiretti è quello di acquistare i prodotti biologici direttamente nelle aziende, nelle botteghe e nei mercati degli agricoltori di Campagna Amica che garantiscono l’origine nazionale degli alimenti in vendita. Sul territorio regionale sono oggi presenti quasi 200 aziende che puntano sulla filiera corta, oltre a 37 agriturismi e ristoranti che servono pasti bio, 51 negozi specializzati, 38 gruppi di acquisto solidale e 11 mercatini (elaborazione Coldiretti su dati Biobank). In tutto una rete di commercializzazione che conta oltre trecento punti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, presentata la nuova Giunta Acquaroli: ecco tutti gli assessori con deleghe

  • Tragico investimento, travolta e uccisa da un'auto sotto gli occhi della nipotina

  • Covid al liceo, studentessa positiva al tampone: classe di 29 alunni in quarantena

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Ubriaco fradicio, tampona una donna: nel sangue un tasso alcolemico spropositato

  • Incendio nella notte, paura in un palazzo del centro: 4 persone in ospedale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento