Economia

Coldiretti: “I giovani? Sognano più l’agriturismo che il posto in banca”

Presentati i risultati del Rapporto sul ritorno dei giovani alla terra presentato da Coldiretti Giovani Impresa Marche. Maria Letizia Gardoni riconfermata alla guida dei giovani imprenditori agricoli delle Marche

Maria Letizia Gardoni

Solo un giovane su dieci che apre un’azienda agricola viene dal lavoro nei campi, mentre il 34% era precedentemente occupato nell’industria, nei servizi o nelle costruzioni. E’ uno degli spunti del Rapporto sul ritorno dei giovani alla terra presentato da Coldiretti Giovani Impresa Marche  in occasione dell’assemblea per l’elezione del nuovo delegato. Confrontando le analisi sul Psr con i dati Infocamere-Stockview, Coldiretti Marche stima che tra il 2011 e i primi sei mesi del 2013 siano nate circa 200 imprese condotte da giovani sotto i 35 anni che non provenivano dal lavoro agricolo, e ciò nonostante la crisi economica e le difficoltà di accesso al credito. Se il trend del primo semestre 2013 dovesse essere mantenuto, le nuove iscrizioni nei registri delle Camere di Commercio da parte di giovani imprenditori dovrebbero inoltre aumentare di una cifra tra il 20 e il 30% rispetto allo scorso anno. Dalle anticipazioni sul Rapporto di Valutazione Intermedia 2012 sul Piano di sviluppo rurale fornite dal Servizio agricoltura della Regione Marche, emerge che l’età media dei giovani che aprono un’impresa agricola è di trent’anni. Per il 56% di loro si tratta di una opportunità di lavoro e di costruzione del proprio futuro, tra chi è in cerca di un posto (22%) e chi è appena uscito dalla scuola o dall’università (34%). Il restante 44% viene da altre esperienze occupazionali che solo nel 10% dei casi hanno a che fare con la campagna. Un segno del fatto che il settore primario riesce oggi ad attrarre sia giovani alla prima esperienza sia professionalità provenienti da altri settori, entrambi capaci di apportare un nuovo dinamismo.

DAI GIOVANI INVESTIMENTI PER 107 MILIONI. Analizzando i dati relativi alle misure del Piano di sviluppo rurale forniti dalla Regione, emerge che nel periodo di programmazione (2007-2013) le imprese giovani (sotto i 40 anni)  hanno effettuato investimenti per 107 milioni di euro, privilegiando progetti per la realizzazione di fabbricati adibiti alla trasformazione e vendita dei prodotti (laboratori, negozi aziendali, ecc.) e per impianti di lavorazione. Altrettanto significativo il confronto anagrafico tra chi ha investito. I giovani imprenditori rappresentano oggi il 6% del totale delle aziende agricole presenti nelle Marche ma se si considerano gli investimenti effettuati per l’ammodernamento delle aziende agricole, il loro peso sale al 39% del totale.

LA TERRA COSTA, MEGLIO L’AFFITTO. L’accesso alla terra rappresenta una variabile importante, specie per i giovani che aprono un’azienda dal nulla, senza subentrare a vecchi proprietari. Ne deriva così che l’84% della superficie aziendale delle giovani imprese è generalmente affittata, mentre il restante 16% viene acquistato. Una percentuale molto alta, considerato che nella media delle aziende agricole marchigiane solo il 35% dei terreni è preso in affitto. A determinare tale situazione è l'alto prezzo dei terreni e la difficoltà di accesso al credito che colpisce le giovani imprese. Non a caso il 65% dei giovani lamenta come ostacolo al fare impresa l’accesso al credito e il 67% ritiene che strumenti di finanziamento agevolato siano necessari per avviare un’impresa, secondo una indagine Coldiretti/Swg.

SCUOLA: BOOM DEGLI INDIRIZZI AGRICOLI. Il trend che vede i giovani tornare alla terra è sostenuto anche dai dati relativi agli iscritti alle scuole di agraria, con un aumento record dell’80% dei ragazzi che scelgono le professionali agricole delle Marche mentre per gli istituti tecnici agrari l’aumento si aggira intorno al 20%, a testimonianza di un nuovo protagonismo della campagna nella scelta del futuro lavorativo. L’anno scolastico appena iniziato vede il numero dei ragazzi sfiorare complessivamente le 700 unità tra Istituto professionale “Salvati” di Monte Roberto, “Garibaldi” di Macerata, “Ulpiani” di Ascoli Piceno, “Vivarelli” di Fabriano e “Cecchi” di Pesaro.

GIOVANI AZIENDE NELLE MARCHE: I NUMERI. Secondo un’elaborazione Coldiretti su dati Istat, nelle Marche sono ottomila i giovani che oggi lavorano stabilmente in campagna, come conduttori aziendali o come manodopera. Di questi, quasi la metà (il 40%) è titolare di azienda. Se si guarda solo alle aziende di grandi dimensioni la percentuale di imprese guidate dai giovani sale al 25%. Non a caso, secondo una indagine della Coldiretti, le aziende agricole dei giovani possiedono, infatti, una superficie superiore di oltre il 54% alla media (9,4 ettari rispetto alla media nazionale di 6,1), un fatturato più elevato del 75% della media (18.720 euro rispetto alla media nazionale di 10.680) e il 50% di occupati per azienda in più.

MEGLIO L’AGRITURISMO CHE LA BANCA. Secondo un`indagine Coldiretti/Swg la maggioranza dei giovani italiani, a differenza delle generazioni che li hanno preceduti, non sogna più un lavoro nell`ufficio di una banca magari in una grande metropoli, ma vorrebbe invece gestire un agriturismo in piena campagna. La metà dei giovani tra i 18 ed i 34 anni preferirebbe infatti gestire un agriturismo piuttosto che fare l`impiegato in banca (23%) o anche lavorare in una multinazionale (19%). Venute meno le garanzie del posto fisso che caratterizzavano queste occupazioni, sono emerse tutte le criticità di lavori che in molti considerano ripetitivi e poco gratificanti rispetto al lavoro in campagna.

MARIA LETIZIA GARDONI RICONFERMATA PRESIDENTE. Maria Letizia Gardoni è stata riconfermata alla guida dei giovani imprenditori agricoli della Coldiretti Marche. Ventiquattro anni, ha un’azienda nelle campagne di Osimo (Ancona) dove produce ortaggi macrobiotici con cui rifornisce i ristoranti della provincia di Ancona. Un mercato in crescita tanto che Maria Letizia sta aumentando la produzione. Ma il suo prossimo obiettivo è aprire un centro agricolo di ippoterapia, sviluppando un progetto di agricoltura sociale. La Gardoni è stata rieletta dall’assemblea dei giovani imprenditori agricoli riunita ad Ancona, alla presenza, tra gli altri del segretario nazionale di Coldiretti Giovani Impresa, Carmelo Troccoli, e del vicepresidente di Coldiretti Marche, Francesco Fucili.

“Porterò avanti il lavoro avviato in questi due anni e mezzo, quando siamo riusciti a portare Coldiretti Giovani Impresa dove non c’era, ampliando una rete di rapporti e relazioni anche con gli altri settori – spiega la giovane imprenditrice -. Serve ora concretizzare i risultati ottenuti, divulgando il nostro manifesto per i giovani. Siamo convinti del fatto di poter lasciare qualcosa di buono per il Paese, dando un contributo non solo all’agricoltura ma anche alle politiche giovanili. E in questo sarò supportata da una splendida squadra”.

Ad affiancare la Gardoni saranno i delegati provinciali Paolo Guglielmi (Ancona), Armando Marconi (Ascoli Fermo), Paolo Mari (Macerata) e Simone Pagliari (Pesaro Urbino). Maria Letizia rappresenta un ottimo esempio di giovane che ha scelto di lavorare in agricoltura pur non provenendo dal settore primario. I suoi genitori sono entrambi funzionari pubblici ma fin da piccola aveva il sogno di fare l’imprenditrice agricola. Dopo essersi diplomata al Liceo Classico si è quindi iscritta alla facoltà di Agraria e a 19 anni ha coronato il sogno acquistando un terreno con il mutuo e aprendo la sua azienda, nove ettari nelle campagne di Osimo, in provincia di Ancona.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coldiretti: “I giovani? Sognano più l’agriturismo che il posto in banca”

AnconaToday è in caricamento