Economia

Confindustria: “IMU sui capannoni industriali, accanimento contro le aziende”

Casali: "Proclami a parte ed interventi spot, manchi ancora una vera regia in grado di non vessare chi oggi difende a denti stretti quel poco di competitività che il Paese ancora esprime: le aziende"

Il Presidente di Confindustria Ancona, Giuseppe Casali

Mentre la Commissione Bilancio è al lavoro sul disegno di legge relativo ai cosiddetti debiti P.A. ed il Governo è impegnato a delineare il proprio programma di lavoro, il Presidente di Confindustria Ancona, Giuseppe Casali, rivolge esasperato un appello alle pubbliche amministrazioni:

“È vero, si vocifera la sospensione dell’applicazione dell’IMU anche per quanto riguarda i siti industriali ma ho la netta sensazione che, proclami a parte ed interventi spot, manchi ancora una vera regia in grado di non vessare chi oggi difende a denti stretti quel poco di competitività che il Paese ancora esprime: le aziende.
La priorità del Paese deve essere una seria politica economica ed una improcrastinabile politica industriale, assente in Italia da troppi lustri.
Per questo dico che se è sicuramente condivisibile la sospensione della tassa sulla prima casa che troppo ha pesato sulle tasche di tanti cittadini, se è altrettanto apprezzabile ed opportuna l’ipotizzata sospensione della stessa imposta sui siti industriali, oggi noi chiediamo bensì di non aumentarla ulteriormente in prospettiva e che finalmente questo Paese si dia un disegno organico, chiaro e stabile sull’imposizione fiscale!”

“Ci si è resi conto che dal 1° gennaio scorso il moltiplicatore applicato al calcolo dell’IMU è passato da 60 – e già questo determina un aumento del 20% rispetto all’anno precedente - a 65, con un ulteriore aggravio dell’8,3%?
Per questo ci auguriamo che almeno questo aumento venga definitivamente bloccato – continua Casali – tanto più che l’incremento della quota statale dal 3,8% al 7,6% sui fabbricati industriali inevitabilmente porterà prima o poi i Comuni ad aumentare la quota di loro competenza, alzandola molto probabilmente fino al massimo consentito.
Le aziende sono allo stremo e non possono farsi carico di nuovi balzelli di imposizione fiscale”.

“È frustrante continuare a dire le stesse cose – conclude il Presidente degli industriali. - Pesare sui bilanci delle aziende sarebbe un atteggiamento miope, penalizzante non solo per le aziende, ma per tutto il territorio su cui le aziende operano e producono reddito.
Siamo stanchi di ricordare che aumentare le tasse è il modo più semplice e il più immediato per “fare cassa”, ma è spesso un alibi per non impegnarsi invece nel perseguire quell’efficienza organizzativa che consentirebbe un risparmio di risorse preziose, senza gravare ulteriormente sulle imprese, già provate da questa lunghissima crisi.”

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Confindustria: “IMU sui capannoni industriali, accanimento contro le aziende”

AnconaToday è in caricamento