EDMA: ad Ancona la presentazione della nuova società per l’Energia del Medio Adriatico

Edma è partecipata al 55% da Multiservizi la quale ha già conferito nella società la propria partecipazione in Prometeo, primo operatore regionale per la vendita di energia

“Edma (energia del medio adriatico), esordisce il presidente Chiara Sciascia, è la nuova società dell’energia che nasce dall’incontro tra due importanti realtà del centro Italia, Multiservizi presente nel territorio per il servizio idrico integrato e la distribuzione di gas naturale e il gruppo Estra, attivo nel settore dell’energia.
Edma è partecipata al 55% da Multiservizi la quale ha già conferito nella società la propria partecipazione in Prometeo, primo operatore regionale per la vendita di energia, e che conferirà, secondo il percorso di aggregazione, il ramo della distribuzione di gas naturale gestito in 15 dei quarantacinque comuni soci.
Il gruppo Estra, da parte sua, con una partecipazione del 45%, ha apportato la propria rete di vendita nelle regioni del medio adriatico, Marche, Abruzzo, Molise, nonché Umbria e Lazio e garantirà un contributo importante finalizzato al miglioramento della capacità finanziaria e di investimento della Società, nonché competenze industriali e know-how tecnico complementari a quelle del socio Multiservizi.

I numeri di Edma sono un attuale capitale sociale di euro 33.617.000, che arriverà, a compimento di questa fase di aggregazione, a euro 85.000.000; 180.000 clienti per la vendita di gas ed energia elettrica; 140.000 punti gas (pdr), distribuiti in 5 regioni del Centro Italia; un fatturato consolidato intorno ai 270.000.000 e circa 120 dipendenti.

L’obiettivo dei Soci è quello di valorizzare al meglio le rispettive competenze industriali e commerciali in un percorso di crescita e sviluppo; di prepararsi al meglio per affrontare le future gare per l’affidamento dei servizi di gestione delle reti di distribuzione del gas naturale e le sfide che un mercato sempre più complesso e competitivo ci propone.

I Soci, Multiservizi e Estra, condividono numerose caratteristiche, dall’assetto proprietario ad una strategia di crescita e sviluppo, che possono garantire controllo e regolazione nel settore dei servizi pubblici”.

 “L’accordo con Multiservizi per la costituzione di EDMA rappresenta una novità importante perché, in un momento di incertezza economica, produce significative ricadute in termini di ricchezza e di occupazione per il territorio e le comunità locali”, ha affermato il Presidente di Estra Roberto Banchetti. “In Multiservizi abbiamo trovato un interlocutore in sintonia con i nostri valori fondanti, la nostra idea di mercato e come noi intenzionato a competere ad armi pari con i grandi operatori energetici. EDMA è la risposta alle sfide prossime venture del mercato del gas e, per quanto riguarda Estra, si inserisce in un ambizioso piano di sviluppo triennale per diventare tra i player leader a livello nazionale.  Lo stiamo facendo e continueremo a farlo valutando opportunità di diversificazione geografica attraverso joint venture e partnership, come quella con Multiservizi,  focalizzando investimenti e strategie per l’incremento delle quote di mercato e l’ampliamento delle reti distributive”.

Gli fa eco il Presidente di Multiservizi Ferdinando Avenali: “Multiservizi da tempo persegue un preciso obiettivo: ricercare ogni condizione per risultare altamente competitiva nella ormai prossima gara per l’aggiudicazione del servizio distribuzione gas metano; tale servizio, lo ricordo, quantunque vada affidato con gara è un servizio pubblico locale e la sua gestione risulta coerente con la missione che i soci hanno assegnato a Multiservizi; in Estra abbiamo trovato un socio che potesse aggiungere alla nostra profonda conoscenza del territorio servito, soluzioni tecniche integrative e disponibilità di risorse finanziarie; un mix di ingredienti tali da consentirci, insieme,  di presentare offerte con elevati standard qualitativi e rispondenti ai bisogni,  quindi di competere efficacemente nelle prossime sfide.
Nel contempo in Estra abbiamo individuato un socio che può supportare la società Prometeo nell’affrontare la concorrenza dei grandi operatori nazionali che già popolano il nostro territorio”. Insieme ad Estra opereremo per continuare ad essere presenti ed attivi nel settore dell’energia ed a generare quel valore aggiunto che poi, fedeli alla nostra missione di aziende del territorio, andremo a ridistribuire a beneficio delle nostre comunità”.

“I nostri Soci costituendo EDMA hanno concretamente testimoniato che questi territori sanno esprimere Amministratori capaci di “guardare oltre”, di superare particolarismi e localismi, individuando obiettivi comuni e condivisi e unendo le reciproche risorse per creare validi strumenti per realizzarli”, continua l’Amministratore delegato di Edma Moreno Clementi.
A noi Amministratori di EDMA è dunque lasciata una grande responsabilità: portare risultati e dimostrare con i fatti che i progetti finalizzati a realizzare obiettivi condivisi tramite la comunione delle risorse di cui si dispone, sono naturalmente destinati al successo.
EDMA è un progetto che entusiasma: noi che la amministriamo dobbiamo dare personali contributi per fare riemergere la nostra naturale inclinazione alla progettualità ed alla costruzione del futuro; da troppo tempo siamo spettatori di stili di direzione e amministrazione che si basano più sulla denigrazione che sulla condivisione degli obiettivi. Non ci vogliamo lasciare sfuggire l’opportunità di diventare attori che trasmettono ai nostri territori un concreto segnale controcorrente, per diffondere qualche necessario germe di ottimismo. Constatare e far conoscere che esistono aziende pubbliche come Multiservizi ed Estra che percorrono tenacemente ogni possibile direzione per assolvere alla loro principale missione (creare valore e distribuirlo a favore delle comunità servite) è un segnale importante, soprattutto in un  momento in cui troppo spesso si presentano le aziende di servizi pubblici locali come sede di sprechi e come responsabili di buona parte dei problemi di finanza pubblica.
Noi raccogliamo la sfida perché ci identifichiamo con gli obiettivi condivisi dai nostri Soci, crediamo nell’adeguatezza delle risorse che ci vengono messe a disposizione e soprattutto vogliamo fare la nostra parte nell’implementare modelli di amministrazione che attraverso il conseguimento dei risultati contribuiscano a riconquistare credibilità”.

ESTRA
Estra è una multiutility, nata nel 2010, con un patrimonio di know-how e capacità tecniche, organizzative e funzionali che si traducono in 658 milioni di euro di ricavi realizzati nel 2012 (+ 34% vs 2011) e in un Margine Operativo Lordo di 63,8 milioni di euro (62,5 nel 2011). Durante l’esercizio 2012 il Gruppo ha commercializzato circa 1,1 miliardi di metri cubi di gas naturale, 598 GW/h di energia elettrica e 1,2 milioni di mc. di gas propano liquido. La divisione reti di Estra ha distribuito nell’anno 2012, 738 milioni di metri cubi di gas naturale.

MULTISERVIZI S.p.A.
E’ una società a capitale pubblico nata nel 2004 dalla fusione di due aziende della provincia di Ancona ben radicate sul territorio e con esperienza trentennale. Serve 45 Comuni  per il  servizio idrico integrato e 15 per la distribuzione del gas metano. Distribuisce circa distribuito 173 milioni di metri cubi di gas metano a 113.000 clienti. Ha una fatturato consolidato di oltre 253 ml di euro, un utile netto consolidato di oltre 10 ml di euro, investe mediamente ogni anno circa 15 ml di euro e dà occupazione direttamente a 450 persone.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento