Coldiretti Marche: dal salone delle idee giovani arriva il prato "pret a porter"

Un prato che cambia colore, da srotolare ovunque serva. L'idea presentata all'assemblea di Roma dall'imprenditore recanatese Alessandro Maganini. Nella nostra regione 8mila giovani nei campi

Un prato “pret a porter” che cambia colore, da srotolare ovunque serva. E’ l’idea lanciata all’assemblea di Roma di Coldiretti Giovani Impresa da Alessandro Magagnini, vivaista under 30 della società agricola Fiore dei Fiori di Recanati, tra i protagonisti dell’Open space dell’ingegno contadino. Si tratta di una vera e propria “tovaglia” dello spessore di 5-6 centimetri pensata per chi vive in città ma non vuole rinunciare al verde.

Basta stenderla su terrazzi, tetti e qualsiasi altra superficie, innaffiarla una prima volta e poi il prato resisterà a sole, vento e intemperie. La presenza di una pianta particolare, il Sedum, consente al prato di cambiare colore a seconda della stagione, passando dal verde al rosso, al giallo, mentre un’essenza made in Italy riscoperta da Alessandro, il Garofanino di montagna, assicura grande resistenza.
In questo modo le operazioni di manutenzione sono praticamente ridotte a zero, oltre al vantaggio che la presenza del prato garantirà un microclima ideale per le altre piante presenti sul balcone. Mettendolo sul tetto, avrà, invece, funzione coibentante, garantendo il risparmio energetico.

“Esperienze che  dimostrano come il settore agricolo si sia rinnovato – sottolinea la delegata regionale marchigiana, Maria Letizia Gardoni -, con l'ingegno dei giovani di imprenditori che non si arrendono di fronte alle difficoltà della crisi, ma lottano e sperimentano con successo nuove idee per guardare con ottimismo al futuro”.
Nelle Marche sono ottomila i giovani che oggi lavorano stabilmente in campagna, come conduttori aziendali o come manodopera (elaborazioni Coldiretti su dati Istat). Di questi, quasi la metà (il 40%) è titolare di azienda e, se il ricambio generazionale nella nostra regione fatica ancora a completarsi, va sottolineato come le imprese giovani siano quelle più innovative e attive nella vendita diretta e nelle produzioni di qualità (Dop e Igp) e biologiche.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donna si rifiuta di dare i soldi al badante che lavorava per lei: lui la stupra in casa sua

  • Marche, nell'ultima settimana si abbassa l'età dei positivi :il 75% dei casi è under 35

  • Frecce tricolori ad Ancona, venerdì 29 maggio lo spettacolo nei cieli: info e orari

  • Bloccato sulla porta di casa, la polizia trova coltelli e una mazza: «Volevano ammazzarmi»

  • Spiagge libere in alto mare, un salasso: ecco tutto quello che c'è da sapere

  • Lidl continua a crescere, nuovo punto vendita ad Ancona e 6 assunzioni

Torna su
AnconaToday è in caricamento