Giovedì, 29 Luglio 2021
Economia

Pensioni: nelle Marche più basse di 125 euro rispetto alla media

Secondo i dati dell'INPS nelle Marche vengono erogate 579.017 pensioni, di cui più della metà di vecchiaia. L'importo medio delle pensioni è di 654 euro, ben 125 euro in meno rispetto alla media nazionale

Secondo i dati dell’INPS, elaborati dall’IRES CGIL Marche, e aggiornati al mese di settembre 2012, nelle Marche vengono erogate 579.017 pensioni (+ 0,9% rispetto al 2011) di cui più della metà sono pensioni di vecchiaia. Il 43,5% delle prestazioni va a lavoratori dipendenti ed il 37,6% a lavoratori autonomi.
L’importo medio delle pensioni è di 654 euro, ben 125 euro in meno rispetto alla media nazionale.

Le pensioni di vecchiaia da lavoro dipendente nel 2012 ammontano a 139.053 ed hanno un importo medio di 888 euro, tuttavia il 56,2% dei pensionati percepisce una pensione inferiore a 750 euro, contro il 40,8% medio nazionale.
Sono molto evidenti gli squilibri tra uomini e donne: in media, la pensione di vecchiaia da lavoro dipendente di una donna ammonta a 608 euro, contro i 1.119 euro degli uomini (+84%).
Inoltre, le pensionate risultano confinate entro le fasce pensionistiche più basse: il 78% delle donne riceve una pensione inferiore a 750 euro, mentre gli uomini sono il 38,1%; specularmente, solo il 4,2% delle donne ha una pensione di importo superiore a 1.500 euro, contro il 26,8% degli uomini.

Nelle Marche l’età media dei pensionati è elevata: infatti il 69,1% dei pensionati ha più di 70 anni (62,2% media nazionale) e percepisce una pensione di 695,86 euro, circa 180 euro in meno della media italiana e i pensionati ultraottantenni sono il 29,1% a fronte del 24,6% nazionale.
All’opposto, i baby pensionati, ossia quelli con meno di 60 anni, sono meno diffusi rispetto al panorama nazionale: 2,8% contro 3,3%.

“In questo panorama caratterizzato da importi pensionistici generalmente inferiori alle medie nazionali e da forti squilibri tra uomini e donne, si devono considerare anche gli effetti degli interventi sul sistema pensionistico degli ultimi anni e quelli della riforma Fornero, che ancora si devono esplicare in tutta la loro portata e che determineranno ulteriori squilibri e penalizzazioni “,  dichiara Novella Lodolini responsabile dell’Ufficio Studi Ires Marche. “In particolare – aggiunge Lodolini -  guardando alle domande di pensione dei primi nove mesi del 2012, si rileva già un calo complessivo del 19,4% rispetto al 2011 che arriva al 45,5% per le pensioni di anzianità”.

Per il segretario dello Spi-Cgil Marche, Emidio Celani, “il nuovo sistema, che traguarda l’obiettivo del pensionamento a 70 anni, darà un primo forte colpo all’occupazione, soprattutto quella giovanile, rallentando il turnover e  determinerà anche un’ ulteriore riduzione degli importi delle pensioni, anche per le pesanti conseguenze dovute alle arbitrarie modifiche apportate ai coefficienti di trasformazione”.


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pensioni: nelle Marche più basse di 125 euro rispetto alla media

AnconaToday è in caricamento