Economia

Oltre 5 mila marchigiani possono avere occhiali da vista a prezzo sociale

Iniziativa, senza fini di lucro, di Optissimo: i possessori di Carta Acquisti e i loro familiari potranno avere, a fronte di un piccolo contributo di 19 euro, un occhiale da vista completo di lenti personalizzate

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Le famiglie in difficoltà economica, prese da altre necessità, spesso, purtroppo, mettono in secondo piano anche la salute. Da qui l'iniziativa, senza fini di lucro, di Optissimo (Gruppo Randazzo) di consentire ai possessori di Carta Acquisti (la social card lanciata dal Governo a dicembre del 2008) e ai loro familiari di avere, a fronte di un piccolo contributo di 19 euro, un occhiale da vista completo di lenti personalizzate.

L'iniziativa, di cui è già al corrente il Ministero del Welfare, sarà valida fino al 31 dicembre nei 102 negozi a insegna Optissimo presenti in 15 regioni, 41 province e 68 città italiane.
Nelle Marche verranno coinvolti 4 punti vendita: 2 a Macerata e 1 ciascuno ad Ancona e Ascoli Piceno.
L'occhiale verrà realizzato con lenti di qualità e la montatura la si potrà scegliere su buona parte dell'assortimento.

"In un momento di difficoltà economica - afferma Agostino Randazzo, presidente dell'omonimo gruppo - abbiamo voluto dare una mano concreta a coloro che rischiano di essere esclusi da un bisogno/diritto primario qual è la vista, perché impegnati nella soddisfazione di altre priorità. Ci auguriamo che il tessuto economico e imprenditoriale italiano possa dare risposte analoghe in altri settori".

Per comprare l'occhiale i possessori della Carta Acquisti devono esibire la card e compilare un modulo. Ne possono beneficiare anche i familiari mostrando in negozio lo stato di famiglia. Al momento in Italia sono attive circa 630 mila social card, ma un recente decreto del Governo Monti punta ad allargare l'utenza per raggiungere tutte le famiglie in povertà assoluta, oltre un milione, pari al 4,2% del totale di quelle residenti nel nostro Paese.

Le regioni con il maggior numero di Carta Acquisti emesse sono nell'ordine Campania (più di 100 mila), Sicilia (oltre 95 mila), Puglia (più di 42 mila), Lazio (circa 37 mila), Calabria (circa 30 mila) e Lombardia (poco più di 22 mila). Sono quasi 15 mila le carte emesse in Piemonte seguito da Veneto, Toscana e Sardegna (ciascuno con oltre 12 mila Carte Acquisti). In Emilia Romagna si superano le 10 mila emissioni, che scendono a poco più di 8 mila in Abruzzo, quasi 7 mila in Liguria, 5 mila nelle Marche, più di 4 mila in Basilicata, 3 mila ciascuno in Friuli Venezia-Giulia e Umbria, più di 2 mila in Molise, un migliaio in Trentino Alto Adige e poche centinaia in Valle d'Aosta.
I titolari di social card sono specialmente pensionati ultrasessanticinquenni o genitori con figli al di sotto dei 3 anni.I titolari di social card sono specialmente pensionati ultrasessanticinquenni o genitori con figli al di sotto dei 3 anni.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oltre 5 mila marchigiani possono avere occhiali da vista a prezzo sociale

AnconaToday è in caricamento