Giovedì, 17 Giugno 2021
Economia

Investimenti immobiliari: inglesi pazzi per il “Marcheshire”

Le Marche seconda regione preferita dagli inglesi per l'acquisto di un immobile. Ricercate case in stile tipico, lontano dai centri ma non dal mare, da ristrutturare e con un'attenzione ai materiali ecosostenibili

Nella foto: il paesaggio delle colline marchigiane

Le Marche sono la seconda regione italiana, dopo la Toscana, preferita dagli inglesi per l'acquisto di un immobile. La notizia proviene da Gate-Away.com, azienda di servizi con portale web dedicato agli investimenti stranieri in Italia. A far innamorare gli abitanti d’oltremanica delle terre marchigiane sono i paesaggi collinari immersi nel verde di boschi e nella tranquillità di laghi e fiumi.  
“È crescente l'interesse degli stranieri nei confronti degli immobili italiani, considerati un investimento solido e sicuro -commenta Simone Rossi, responsabile commerciale di Gate-Away.com - Un interesse alimentato anche dal grande fascino esercitato dal nostro territorio, che presenta meraviglie naturali ed architettoniche e che attrae per il suo stile di vita sano e rilassato”.

Lo dimostrano i dati, che registrano una consistente crescita di richieste di immobili dall'estero, con un aumentato budget di investimento: + 52% nel comparto del lusso e + 11% nel settore definito di fascia bassa. E proprio il Regno Unito rappresenta un mercato fondamentale per gli immobili italiani, secondo solo a quello statunitense. Ben delineata la fisionomia delle strutture più richieste in Italia: case in stile tipico italiano, generalmente collocate lontano dai centri abitati e moderatamente distanti dal mare, preferibilmente da ristrutturare e con un'attenzione particolare all'impiego di materiali ecosostenibili. Non è un caso, dunque, che tra le regioni più richieste ci siano le Marche, affiancate da Umbria e Liguria e precedute solo dalla Toscana.

Fonte: AGI
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Investimenti immobiliari: inglesi pazzi per il “Marcheshire”

AnconaToday è in caricamento