Sabato, 19 Giugno 2021
Economia

Marche, sono oltre 13mila le imprese guidate da stranieri

L’esame  dell’imprenditoria straniera nell’artigianato evidenzia che nella confezione di articoli di abbigliamento ed articoli in pelle e pelliccia le imprese a conduzione straniera arrivano a rappresentare quasi un terzo (32,9%) delle imprese artigiane

Impresa tessile

Nelle Marche sono 13.411 le imprese a conduzione straniera, l’8,7% del  totale delle imprese. Anche la bandiera ellenica è presente: al I° trimestre 2015 risultano 16 i titolari di imprese individuali greci; 211 i residenti (114 uomini e 97 donne). Un sistema produttivo multilingue quello marchigiano fotografato dall’Ufficio Studi di Confartigianato Marche  sulla base dei dati di Unioncamere e Infocamere. E' Pesaro e Urbino la provincia marchigiana dove più si rileva una maggior incidenza di imprese straniere: sono 3.387, il 9,3% del totale. Seguono Macerata (3.252 con una incidenza del 9,2%), Ancona (3.561, 8,6%), Fermo (1.691, 8,6%), Ascoli Piceno (1.520, 7,2%). 

L’esame  dell’imprenditoria straniera nell’artigianato per settore evidenzia che nella confezione di articoli di abbigliamento, confezione di articoli in pelle e pelliccia le imprese a conduzione straniera arrivano a rappresentare quasi un terzo (32,9%) delle imprese artigiane del comparto seguita dalla fabbricazione di articoli in pelle e simili con una incidenza superiore ad un quarto (26,8%). Seguono le attività di supporto per le funzioni d'ufficio e altri servizi di supporto alle imprese con il 22,1%, i lavori di costruzione specializzati con il 21,8% e le attività di servizi per edifici e paesaggio con il 21,2%.
Dati che confermano il ruolo culturale svolto da sempre dall’artigianato che, da strumento di tutela della tradizione, diventa anche veicolo d’integrazione, offrendo un futuro concreto e legale a molte persone provenienti da altri Paesi – sottolinea Confartigianato Marche - E' nata una microimprenditorialità molto caratterizzata che ha saputo comunque integrarsi nel panorama produttivo. 

Confartigianato apprezza la volontà di apprendere un mestiere, mettersi in proprio e aprire una attività dimostrata da tanti immigrati che hanno scelto di vivere nelle Marche. Nella misura in cui vi è rispetto delle regole e una concreta volontà di integrazione, il contributo delle imprese di matrice straniera riveste un ruolo importante.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marche, sono oltre 13mila le imprese guidate da stranieri

AnconaToday è in caricamento