Marche, disoccupazione e precarietà: a tempo indeterminato un'assunzione su dieci

La crisi non si attenua: crescono i disoccupati, diminuiscono le assunzioni tra le quali solo una su dieci è a tempo indeterminato. E' quanto emerge dai dati dell'Osservatorio Mercato del Lavoro della Regione elaborati dalla CGIL Marche

La crisi non si attenua: crescono i disoccupati, diminuiscono le assunzioni tra le quali solo una su dieci è a tempo indeterminato. E’ quanto emerge dai dati dell’Osservatorio Mercato del Lavoro della Regione elaborati dalla CGIL Marche relativi agli avviamenti al lavoro registrati nel 2013.

Complessivamente nel 2013 si sono registrati 248.000 avviamenti al lavoro, 28.000 in meno rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente (-10,1%), a fronte di 263.000 cessazioni, con un saldo negativo di 15.000 unità.  Nonostante la contrazione delle assunzioni, non si è attenuato il processo di precarizzazione del lavoro: le assunzioni a tempo indeterminato rappresentano solo il 10,1% del totale; dunque solo un’assunzione su dieci avviene per un lavoro stabile. 

Il contratto maggiormente utilizzato è il contratto a termine che interessa oltre la metà delle assunzioni  (53,6% delle assunzioni). Seguono il contratto di somministrazione (13,3%), il lavoro intermittente (7,8%), il lavoro parasubordinato (7,1%) e quello domestico (4,5%). L’apprendistato, che secondo le varie riforme del mercato del lavoro avrebbe dovuto essere la principale forma di ingresso nel mondo del lavoro per i giovani, rappresenta il contratto meno utilizzato (3,7% delle assunzioni). Al ridursi del ricorso al contratto di apprendistato corrisponde il forte ricorso ai tirocini formativi, il cui utilizzo nasconde troppo spesso vere e proprie forme di lavoro irregolare e non tutelato che penalizza soprattutto i giovani. In forte crescita anche il ricorso al lavoro occasionale e accessorio e l’utilizzo del voucher. Questi sono numeri che descrivono un sistema produttivo frantumato dagli effetti della crisi e un mercato del lavoro stravolto da molteplici riforme a senso unico che hanno solo moltiplicato la precarietà. Sono dati che ci parlano della condizione ormai insostenibile per migliaia di lavoratori e lavoratici

Con questi dati è davvero incomprensibile che si continui ancora a discutere di rigidità del mercato del lavoro e si continui a propugnare la ricetta della flessibilità estrema quando la pratica ha ormai dimostrato che modificare le regole del lavoro non serve a generare nuova occupazione” –  dichiara Daniela Barbaresi, Segretaria regionale della CGIL Marche.

Per Barbaresi, “nella Legge 78/2014 si cancella la causale per i contratti a termine e si prevedono fino a 5 proroghe, determinando un uso completamente distorto e de-regolato del tempo determinato. Analogamente sbagliato è l’intervento sull’apprendistato rispetto al quale vengono fortemente allentati i vincoli di stabilizzazione prima di attivare ulteriori contratti”. 
E anche con la legge delega sul lavoro del Governo, chiosa Barbaresi, “si continua nella logica deregolatoria visto che, invece di ridurre le forme contrattuali precarie, se ne prevedono delle ulteriori. Ma non è con le tipologie contrattuali che si crea lavoro ma con investimenti, interventi pubblici a sostegno di politiche espansive e della domanda interna, piuttosto che con opere pubbliche sulle infrastrutture, sulla tutela dell’ambiente e del territorio, sull’edilizia scolastica, la cultura, il turismo. Ma soprattutto è urgente difendere il lavoro finanziando subito la cassa integrazione in deroga senza la quale migliaia di lavoratori marchigiani rischiano di restare senza lavoro e senza reddito”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Blitz in via 25 Aprile, Carabinieri e Polizia in massa blindano la strada: 4 arresti

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

Torna su
AnconaToday è in caricamento