Mappa fiscale de Il Sole 24 Ore: Ancona la più congrua dopo Pesaro

La congruità è quel valore che riguarda le dichiarazioni in linea con i ricavi e i compensi presunti dall'Amministrazione finanziaria in base agli studi di settore per categoria di appartenenza

Dopo aver innalzato il sindaco Fiorello Gramillano come “primo cittadino più amato delle Marche”, il Sole 24 Ore porta un'altra buona notizia alla città: secondo la “mappa fiscale” elaborata dal prestigioso quotidiano economico Ancona è infatti la seconda provincia “più congrua” (dopo Pesaro Urbino) della nostra regione (la congruità è quel valore che riguarda le dichiarazioni in linea con i ricavi e i compensi presunti dall'Amministrazione finanziaria in base agli studi di settore per categoria di appartenenza).

I numeri infatti sono chiari: stante la presenza di 27335 contribuenti, per un reddito medio d'attività di 27100 euro, solo il 19,6% è risultato non congruo - cioè distante dalla media di settore - contro il 21% di Ascoli Piceno, il 21,6% di Macerata, il 24,4% di Fermo. Come si è detto, meglio ha fatto solo Pesaro, con il 17,5%. Ancona,a livello nazionale, è la 71 “meno congrua” (e dunque più virtuosa) per quello che riguarda i singoli contribuenti, mentre si situa al 55mo posto per le società di capitali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, arriva un assaggio d'inverno: maltempo, freddo e anche la neve

  • Scarpe Lidl, mania anche ad Ancona: scaffali svuotati in mezz'ora, maxi rivendite

  • Zona arancione, per Acquaroli non basta: «Presto ordinanza anti-assembramento»

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

Torna su
AnconaToday è in caricamento