menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Jobs act, nelle Marche record negativo: -42% di contratti a tempo indeterminato

Le trasformazioni dei tempi determinati in contratti stabili ammontano a 5.369, il 40% in meno rispetto ai primi otto mesi del 2015. Questi tutti i dati

Nei primi otto mesi del 2016, le aziende marchigiane hanno assunto 87mila persone, il 9,7% in meno rispetto allo stesso periodo 2015. La maggior parte dei neo assunti ha un contratto a termine (77%), il 16,6% è stato assunto con un contratto a tempo indeterminato e solo il 6,1% come apprendista. E’  questo il quadro che emerge dai dati dell’Osservatorio Inps sulla precarietà, elaborati dall’Ires Cgil Marche.

Le trasformazioni dei tempi determinati in contratti stabili ammontano a 5.369, il 40% in meno rispetto ai primi otto mesi del 2015. Le trasformazioni di contratti di apprendistato in contratti a tempo indeterminato sono state 2.059 con un incremento del 2,4% rispetto al 2015. Il saldo tra assunzioni e cessazioni per i contratti a tempo indeterminato continua ad essere negativo (-8.250). Nei primi otto mesi del 2016 cresce, rispetto allo stesso periodo del 2015, il numero di voucher venduti (+29,3%); in confronto al valore del 2014 i voucher venduti da gennaio ad agosto nel 2016 sono aumentati del 115%. «Anche nelle Marche, si assiste al crollo delle tutele sul lavoro – dichiara Giuseppe Santarelli, segretario regionale Cgil Marche – e cioè: meno assunzioni, più precarietà, trionfo dei voucher, aumento di licenziamenti disciplinari. Per questi motivi, serve cambiare direzione e quindi cancellare il  Jobs act  e sostenere la ripresa con investimenti. La situazione occupazionale e sociale delle Marche è tra le più difficili in Italia ma la questione, da tempo, non è al centro dell’attenzione della giunta regionale». Rispetto ai valori medi osservati per il centro Italia e per il Paese nella sua totalità, la situazione delle Marche è peculiare:

  • le assunzioni a tempo indeterminato si riducono ovunque ma, nelle Marche, la contrazione è più marcata che per la media italiana (-41,9% contro -32,9%)
  • le assunzioni a tempo indeterminato nelle Marche costituiscono una percentuale più bassa delle assunzioni totali rispetto all’incidenza rilevata nel centro Italia e in totale nel Paese (16,7% contro 22,5% e 24,1%)
  • le assunzioni a tempo determinato nelle Marche sono il 77,2% del totale contro il 72,7% del centro Italia ed il 71,5% come media nazionale.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini, fascia d'età 50-59 anni senza patologie: si dovrebbe partire il 13 maggio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento