rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Economia

La storia di Ivana, affetta da una grave patologia alla schiena: «Ecco come riesco a lavorare»

Dopo una grave patologia alla schiena, torna a lavorare su un nuovo trattore in grado di attenuare le vibrazioni meccaniche

Ivana Giancamilli, una vita trascorsa a Corinaldo alla guida del suo trattore, con il passare del tempo comincia ad avvertire dolori sempre più insistenti. “Intorno ai 35-40 anni - racconta - sono cominciati i problemi con la schiena, prima era una cosa saltuaria e poi tre anni fa la situazione è precipitata e ho subito un intervento”. I dolori erano dovuti ad ernie discali, quindi l’Inail le riconosce la malattia professionale e l’equipe multidisciplinare della sede di Ancona realizza per lei un progetto di reinserimento lavorativo individualizzato. Le viene così fornito un nuovo mezzo con tutte le caratteristiche necessarie ad attenuare le vibrazioni meccaniche e che permette a Ivana di tornare al suo lavoro. (Ascolta il podcast)

Quella di Ivana è, infatti, una delle Belle storie di reinserimento lavorativo della campagna informativa, “Con Inail, ricomincio dal mio lavoro”, che l’Istituto ha lanciato per diffondere le misure adottate per favorire il ritorno al lavoro delle vittime di un infortunio o di una malattia professionale. L’iniziativa di comunicazione, in programma a partire dal 20 marzo per un mese sui media mainstream e i canali digitali dell’Inail racconta le storie degli assistiti che hanno vissuto in prima persona il trauma dell’infortunio e l’esperienza della rinascita professionale ed umana. Alla campagna di comunicazione si affiancano una serie di videointerviste, oltre a quella di Ivana, con cui l’Inail ha scelto di raccontare i percorsi di reinserimento dei propri assistiti infortunati, tornati nel mondo del lavoro attraverso i progetti personalizzati realizzati grazie al sostegno dell'Istituto.

LEGGI SU TODAY.IT

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La storia di Ivana, affetta da una grave patologia alla schiena: «Ecco come riesco a lavorare»

AnconaToday è in caricamento