Domenica, 13 Giugno 2021
Economia

Ricercatori Univpm presentano a Parigi il “negozio del futuro”

Il gruppo di ricerca (selezionato insieme ad altri 4 atenei a livello mondiale per la migliore idea) propone lo studio per uno store tecnologico e intelligente che cambia in relazione alla comunità di utenti che lo popolano

Oggi, nella prestigiosa area finanziaria de “La Défence” a Parigi si è tenuto il “World Retail Congress”, un meeting di livello mondiale dove i più importanti rivenditori di differenti settori si scambiano idee e riflessioni per definire il futuro dei punti vendita e della loro interazione tra on line e off line, tra mondo reale e web.

Nella sessione  “The Future Retail Challange”, il gruppo di ricerca dell’Università Politecnica delle Marche (selezionato insieme ad altri 4 atenei  a livello mondiale per la migliore idea) propone lo studio per uno store tecnologico e intelligente, in grado di fornire soluzioni a consumatori sempre più evoluti. Un negozio del futuro che cambia in relazione alla comunità di utenti che lo popolano, alle loro scelte: non più un punto vendita statico ma in continuo cambiamento. Idee innovative proposte a Samsung, sponsor di questa iniziativa.

La sfida ha visto protagonisti alcuni studenti di dottorato di Ingegneria e Economia (Marco Contigiani, Roberto Pierdicca, Marco Curreli e Silvia Borroni) coordinati dal Prof. Emanuele Frontoni e dal Prof. Silvio Cardinali, che hanno conquistato con un nuovo concetto di negozio del futuro un posto in questa finale internazionale. Erano presenti per questo confronto finale il Fashon Institute of Technology di New York, la Politechnique University of Hong Kong, la Fashon Retail Academy di Londra, Keio University di Tokyo e per l’Italia l’Università Politecnica delle Marche. Partner ufficiale dell’Università Politecnica delle Marche per questa iniziativa è stata l’azienda marchigiana Grottini Retail Environment di Porto Recanati.

Nel corso dell’evento sono state analizzate nel dettaglio le nuove tecnologie a supporto del retailer per migliorare l’ esperienza del consumatore nei punti vendita, per affinare lo sviluppo dei prodotti e per monitorare il cambiamento dei consumatori giorno dopo giorno. Il mercato, così come la vendita dei prodotti sta ormai dirigendosi verso una esperienza utente multicanale, dove l’acquisto del prodotto assume diverse forme e dove l’intelligenza artificiale dovrà svolgere un ruolo fondamentale per rendere l’acquisto del prodotto sempre più facile.

Un forte messaggio per incentivare la collaborazione tra impresa e Università, dove ricerca scientifica, innovazione e mercato possano incontrarsi, anche in importanti vetrine globali come quella del World Retail Congress 2014 a Parigi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ricercatori Univpm presentano a Parigi il “negozio del futuro”

AnconaToday è in caricamento