Turismo: a Fabriano la città è tutta "in tasca"

Una guida turistica integrata nel telefono che segue il turista, o il cittadino, ovunque nella città ed in maniera assolutamente gratuita: la città di Fabriano sposa il "turismo multimediale"

Una guida turistica integrata nel telefono che segue il turista, o il cittadino, ovunque nella città ed in maniera assolutamente gratuita.
Per promuovere le eccellenze storico-artistiche della città e del territorio, ma anche per rendere più agevole e completa la visita della gran moltitudine di plessi che la caratterizzano, la città di Fabriano sposa il “turismo multimediale”.

BEE FABRIANO. Tutto è cominciato un anno fa, quando è stato avviato il progetto “Bee Fabriano” : grazie all’uso della rete WIFI, gratuita nel centro cittadino,  è stata sviluppata una prima applicazione legata al turismo la quale consente di conoscere le eccellenze storico-artistiche della città mediante l’uso del proprio smartphone attraverso la lettura di codici QRcode presenti nei principali oggetti di interesse presenti in tale parte della città, che consentono un un collegamento diretto con il portale internet del turismo del Comune, in cui sono pubblicati, fra gli altri, anche contenuti applicabili alla tecnologia mobile.
Per chi non fosse provvisto di un telefono di tale tipo sono stati resi disponibili e nolleggiabili gratuitamente dei dispositivi innovativi con i quali poter navigare e visitare la città.
Il progetto è in continua evoluzione e presto saranno ben 120, ripartite fra i vari comuni dell’area montana provinciale,  le eccellenze artistiche ed architettoniche che potranno essere apprezzate, conosciute, lette ed interpretate utilizzando la rete e questa nuova tecnologia correlata ai QRcode.

LA CITTA’ IN TASCA. Ma la tecnologia è in continuo divenire,  e l’Assessorato ha dato l’avvio ad un ulteriore iniziativa  informatica denominato “Città in Tasca”: una volta scaricata l’applicazione sul proprio telefono, l’utente viene avvisato con un segnale acustico nell’imminenza di un punto di interesse storico, artistico, culturale, pubblico della città (ad esempio chiese, biblioteche, musei, vie, monumenti, ecc.).
Basta allora prendere in mano il proprio cellulare ed aprire la scheda di approfondimento del punto di interesse segnalato e si potrà leggere la storia del monumento, della via, della piazza o gli orari della biblioteca o degli uffici comunali.
 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

  • Pauroso incidente a Sappanico, dell'auto rimane solo la carcassa

  • «Democrazia sospesa dai Dpcm, ora querele contro chi li applica: polizia e sindaci»

Torna su
AnconaToday è in caricamento