Lunedì, 2 Agosto 2021
Economia

Export: +20% per il made in Marche a tavola, boom in Asia

Il made in Marche a tavola fa segnare un aumento del 20% nelle esportazioni e conferma il crescente appeal sui mercati stranieri. Boom sui mercati asiatici dove gli acquisti di prodotti sono quasi triplicati

Il made in Marche a tavola fa segnare un aumento del 20% nelle esportazioni e conferma il sempre crescente appeal sui mercati stranieri. A dare la notizia è la Coldiretti Marche sulla base dei nuovi dati Istat sul commercio estero relativi al primo trimestre del 2012. Il valore dell’export nei primi tre mesi dell’anno è balzato da 60 a 72 milioni di euro, mentre il volume dei prodotti agroalimentari è addirittura aumentato del 56 per cento, passando da 72 milioni di chili a 113 milioni.

Ancora una volta, secondo Coldiretti, il cibo marchigiano si conferma come un importante veicolo di promozione verso i paesi stranieri, in particolar modo quelli europei, dove finisce circa l’80% delle esportazioni (+6 per cento in valore rispetto al 2011) con Germania, Spagna e Francia in pole position.
Un vero e proprio boom si registra però, secondo Coldiretti Marche, sulle piazze asiatiche, dove il valore dell’export è quasi triplicato (da 5,8 milioni a 14,5 milioni di euro).

Secondo Coldiretti, le performance positive registrate sui mercati internazionali dal settore più rappresentativo dell'economia reale dimostrano che il Paese può tornare a crescere solo se investe nelle proprie risorse che sono i territori, l'identità, la cultura e il cibo, essendo l'agroalimentare una leva competitiva formidabile per trainare il Made in Italy nel mondo.  
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Export: +20% per il made in Marche a tavola, boom in Asia

AnconaToday è in caricamento