rotate-mobile
Venerdì, 19 Aprile 2024
Economia

L’export salva l’economia del territorio Dati alla mano CNA chiama a raccolta le imprese "per un export più agile"

Si svolgerà infatti giovedì 17 novembre alle 17,30 presso la CNA di Ancona il seminario “Per un export più agile” in cui saranno presentate alle imprese le opportunità offerte dal sistema dei Temporary Export Manager

Il “Made in Marche” non rallenta e porta nel mondo food e fashion. È partendo da questo dato che CNA Ancona, insieme a CNA Tecno Quality, spinge le piccole imprese della provincia ad investire sempre più su una strategia di internazionalizzazione del proprio modello di business. Si svolgerà infatti giovedì 17 novembre alle 17,30 presso la CNA di Ancona il seminario “Per un export più agile” in cui saranno presentate alle imprese le opportunità offerte dal sistema dei Temporary Export Manager.

L’evento è co-organizzato da CNA Ancona e da CNA Tecno Quality Srl, la società che dal 2008 gestisce Export Box, il servizio che CNA mette a disposizione delle imprese che vogliono internazionalizzarsi. I numeri dell’esportazioni delle imprese della provincia di Ancona e più in generale delle imprese marchigiane sono infatti una delle note più positive dell’economia nostrana. Nonostante il protrarsi dell’instabilità economica e la progressiva perdita di quote di mercato russo, la resilienza del comparto produttivo marchigiano di fatto traina l’export italiano. La produzione industriale della regione si attesta sul +0,2% nel terzo trimestre del 2022, contro il -2% rilevato nel periodo luglio-agosto a livello nazionale. Le vendite su estero delle imprese marchigiane hanno registrato un aumento del +2% rispetto al terzo trimestre 2021. Positive le performance di agroalimentare e sistema moda. Di contro, l’andamento è negativo per i settori del legno, mobile, meccanica, gomma e plastica, più legati alla contrazione del mercato interno, alle difficoltà di approvvigionamento e alla crescita dei costi. È segno che le piccole e medie imprese che hanno saputo diversificare in modo efficace la loro presenza sui mercati esteri stanno adottando strategie vincenti per combattere la stagnazione della domanda.

Ecco perché è fondamentale un’azione congiunta e costante di sensibilizzazione sul ruolo dell’export per l’e imprese. E alcune risposte ai quesiti degli imprenditori arriveranno durante l’incontro di giovedì 17 novembre alle 17,30 presso la CNA di Ancona. Il programma prevede infatti il racconto dell’esperienza di Export Box, che in questi anni ha aiutato decine di imprese a strutturare la propria strategia di approccio ai mercati esteri e quello di alcuni temporary export manager (o TEM), che racconteranno come il loro ruolo sia quello di accelerare la penetrazione commerciale delle piccole imprese sui mercati esteri. Non mancherà la presentazione di casi di studio, ovvero di piccole imprese che sono cresciute sui mercati esteri affidandosi ad un TEM qualificato, per raccontare ancora meglio quali sono i percorsi virtuosi che portano le imprese al successo.  Porterà il suo contributo anche Roberta Datteri, vicepresidente nazionale CNA con delega all’internazionalizzazione, ma anche imprenditrice di successo del settore arredo, che si avvale della consulenza dei TEM di Export Box per crescere sui mercati.

Infine, verrà presentato il Premio Export Italia, promosso dalla Uniexportmanager partner dell’evento, che mira a premiare le imprese che si sono distinte nelle performance all’estero. «Il TEM – spiega Katia Badaloni, consulente del servizio Export Box - dà l'opportunità all'imprenditore di delegare l'operatività a professionisti esperti che, con l'approccio giusto ed un punto di vista esterno, aiutano l'imprenditore ad ampliare la propria visione. Occorre però nella scelta del TEM fare attenzione e non affidarsi a chi dice di avere la ricetta giusta per tutti, quanto piuttosto scegliere chi parte dalla tua azienda e vuole conoscere la tua realtà per studiare insieme un percorso». 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L’export salva l’economia del territorio Dati alla mano CNA chiama a raccolta le imprese "per un export più agile"

AnconaToday è in caricamento