Economia

Indesit, ok al nuovo piano: 79% di sì. Anche la Fiom sottoscrive

A risultati appena proclamati anche la Fiom ha annunciato la propria firma, pur mantenendo un giudizio negativo sui contenuti dell'intesa: "Giudizio dei lavoratori è sovrano"

Lavoratori Indesit manigestano (imamgine archivio)

Con il 79,3% di sì, e il voto positivo di tutte le fabbriche italiane del gruppo, i lavoratori di Indesit Company hanno approvato l'accordo sul nuovo piano di riorganizzazione, sottoscritto il 3 dicembre da Fim, Uilm e Ugl ma non dalla Fiom.

A risultati appena proclamati anche la Fiom ha annunciato la propria firma, pur mantenendo un giudizio negativo sui contenuti dell'intesa: ''abbiamo sempre sostenuto, alla Fiat, alla Indesit e in tante altre vertenze, anche in anni di divisione sindacale, che il giudizio dei lavoratori è sovrano e vincolante, dunque firmiamo'' ha dichiarato il segretario della Fiom delle Marche Giuseppe Ciarrocchi.

Soddisfatto l'Ad e presidente di Indesit Marco Milani: ''ora - annuncia - gli investimenti partiranno subito e ci permetteranno di ridisegnare quasi completamente la nostra gamma di prodotti e di rafforzare l'assetto produttivo del gruppo in Italia''.

Il sottosegretario allo Sviluppo economico Claudio De Vincenti sottolinea la capacità dei lavoratori di cogliere ''tutti i passi avanti compiuti nella lunga trattativa, che hanno determinato un netto cambiamento del piano industriale dell'azienda: radicamento italiano e investimenti in Italia per 83 milioni, produzioni all'estero che rientrano nel nostro Paese, azzeramento degli esuberi e messa in sicurezza dei lavoratori''.

LA TRATTATIVA. La trattativa era cominciata il 4 giugno con l'annuncio di 1.425 esuberi nei poli di Fabriano, Comunanza e Caserta. Si è interrotta più volte, e in questi mesi ha visto 130 ore di sciopero, blocchi stradali, manifestazioni nelle piazze, presidi sotto il ministero.

IL VOTO. Oggi Indesit e sindacati ritrovano un terreno di convergenza, sulla spinta di un voto quasi plebiscitario anche nelle fabbriche della protesta più radicale, come Melano (77,7% i sì) o Caserta (65,3%), mentre nello stabilimento di Comunanza il referendum passa con il 91,1%, e negli uffici di Fabriano e Milano supera l'86%. In base all'accordo non ci saranno esuberi (330 i pensionamenti).

LO SCENARIO. Indesit farà ricorso ad ammortizzatori sociali ''conservativi'', come contratti di solidarietà e Cig, impegnandosi a non licenziare nessuno per 5 anni. Produzioni che si fanno in Spagna, Polonia e Turchia torneranno in Italia: un punto questo che non convince la Fiom, che parla di produzione ''marginali: Melano ad esempio perde 400 mila piani cottura in cambio di alcune migliaia di piccoli forni a incasso''. Sullo sfondo, resta l'ipotesi di una partnership internazionale per Indesit, tuttora controllata dalla finanziaria della famiglia di Vittorio Merloni.

''L'accordo - commenta Gianluca Ficco della Uilm - crea i presupposti per cercare di superare la crisi e di traguardare una possibile ripresa, affidando a ciascun stabilimento italiano un missione produttiva''. Dal Governo ci si aspetta la convocazione di un tavolo di settore sul futuro dell'elettrodomestico.

(ANSA)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Indesit, ok al nuovo piano: 79% di sì. Anche la Fiom sottoscrive

AnconaToday è in caricamento