rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Economia

Oltre 1.200 aziende in meno: giù l'export, speranze da ricostruzione

Il report della Banca d'Italia descrive una situazione stagnante. Calano le aziende e anche le esportazioni sono minori

Nel primo semestre del 2018 il numero di imprese attive in regione è diminuito dello 0,8% rispetto a 12 mesi prima: oltre 1.200 aziende in meno. Un calo che ha interessato tutti i settori ma che è stato più intenso per agricoltura (-2%) e industria (-1,5%). Lo ha certificato la Banca d'Italia nel suo report congiunturale. Lo studio rivela che i numeri sono molto deludenti per quanto riguarda l'export che diminusce dello 0,5% ma che diventa +1,5% se non si guarda al settore della farmaceutica che risente dei trasferimenti multinazionali. Le Marche faticano ad arrivare nei mercati più lontani come gli Usa (-15,4%), Giappone (-20,5%) e India (-24,6%) mentre vanno bene nei paesi Ue (+2,3%).

Una delle speranze può essere rappresentata dalla ricostruzione post sisma. Qualcosa si sta muovendo nei primi nove mesi del 2018 ma solo nelle province colpite. Restano fuori Ancona e Pesaro Urbino. Notizie positive dal fronte occupazionale: l'occupazione è cresciuta nel primo semestre 2018 del 5,3%.  "L’aumento degli occupati è stato più intenso per la componente maschile che per quella femminile. Vi ha influito anche il maggiore impiego degli uomini nei settori dove l’occupazione è cresciuta di più: l’industria e le costruzioni - scrivono da Bankitalia - il numero dei lavoratori è tornato moderatamente a crescere anche nel settore dei servizi, dopo quattro semestri consecutivi di riduzione. Le ore lavorate per occupato sono rimaste sostanzialmente stabili".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oltre 1.200 aziende in meno: giù l'export, speranze da ricostruzione

AnconaToday è in caricamento