Diventare manager della cultura, con il master Istao si può

Un’iniziativa che mette al centro il patrimonio culturale come valore, eredità e risorsa per il territorio

Foto di repertorio

In partenza oggi, 4 marzo, a Villa Favorita, il Master in Cultural Heritage Management Organizzato dalla Business School ISTAO in collaborazione con la Fondazione Angelo Colocci, la Fondazione Lavoroperlapersona ed il sostegno della Fondazione Cariverona, che punta a formare giovani talentuosi, laureati in discipline umanistiche ed economico-giuridiche, la cui professionalità sia legata alla promozione territoriale nonché al mondo degli eventi culturali, letterali e museali. Un’iniziativa che mette al centro il patrimonio culturale come valore, eredità e risorsa per il territorio. Per formare ventuno giovani nel campo dell’organizzazione e gestione dei progetti complessi a carattere culturale. Un master che nasce anche per sollecitare progetti di lavoro a servizio del bene comune.

Quella del Manager Culturale è una nuova figura professionale sempre più richiesta nel mercato del lavoro, poiché in grado di affrontare un evento socio-culturale sia dal punto di vista economico che organizzativo e gestionale, ma anche di gestire il progetto con le leve di comunicazione più efficaci. Si tratta quindi di formare un manager del mondo delle arti e dello spettacolo, particolarmente richiesto poiché in grado di mostrare una preparazione trasversale, capace cioè di interagire tra saperi umanistici e tecnici, di muoversi tra i principi dell’economia e delle politiche culturali in una prospettiva sia nazionale che comunitaria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gabriele Gabrielli presidente della Fondazione Ellepi: «Siamo molto soddisfatti per l’accoglienza che ha avuto questo master. Per la Fondazione Lavoroperlapersona è un progetto importante perché forma giovani a combinare e organizzare tre dimensioni fondamentali: cultura, valori e territorio. È questa per noi l’essenza del progetto, costruire professionalità capaci di intrecciare in un tessuto narrativo competente valori e saperi, di costruire legami tra passato presente e futuro. Ci auguriamo che da questa iniziativa possano nascere progettualità e leadership culturali a servizio del bene comune». Per info: informa@istao.it  - comunicazione@lavoroperlapersona.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, ordinanza di Acquaroli: didattica a distanza nelle scuole e mezzi pubblici al 60%

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Le Marche corrono ai ripari: raddoppio vaccini, tamponi in farmacia e potenziamento Usca

  • Erano l'incubo degli adolescenti, costretti ad inginocchiarsi: arrestati 5 baby stalker

  • Chiusura piazza del Papa, la Mancinelli avverte: ora palla agli anconetani

  • Terapie intensive, Marche terzultime in Italia: apre il Covid Hospital con medici militari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento