Confcommercio Marche mette in guardia la politica: «Il food rischia la concorrenza sleale»

Il monito del presidente di Confcommercio Marche, Massimiliano Polacco

Massimiliano Polacco

In riferimento alla proposta di legge a iniziativa Giunta Regionale, la Confcommercio Marche ha espresso ferma contrarietà alle deroghe per il settore agricolo e che mettono in seria difficoltà e alimentano interventi di concorrenza sleale nei confronti delle imprese del commercio e della ristorazione, in un contesto economico di grave crisi generale. Nella nota di Confcommercio Marche, inviata a Presidente e Assessori regionali, si legge "l'insoddisfazione nel recepire che, all’interno di un progetto di legge che deve affrontare esclusivamente il sostegno economico alla liquidità delle Imprese, siano state inserite delle deroghe a favore del settore agricolo concesse inspiegabilmente fino al 31 marzo 2021 (prevedendo un termine che nulla ha a che vedere con l’attuale fase di emergenza), per la consegna a domicilio o asporto per gli agriturismi e alla “promozione della vendita a domicilio” anche di prodotti non aziendali". «Inoltre – dichiara il Direttore di Confcommercio Marche Massimiliano Polacco – questa legge era nata per il settore produttivo, che ricomprende commercio, industria e artigianato. Non riusciamo proprio a comprendere come si possa cogliere tale occasione per ipotizzare un intervento di sleale concorrenza nei confronti di commercio e ristorazione, settori tra i più colpiti poiché da subito costretti allo stop delle nostre Imprese».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il grido della Confcommercio Marche è chiaro: migliaia tra pubblici esercizi e attività commerciali del food marchigiano, che rappresentano quasi il 15% del PIL regionale, rischiano di non avere più le forze di ripartire. Oltre l’80% delle attività sono obbligate alla sospensione dai vari provvedimenti restrittivi approvati dal Governo, sono proprio attività rappresentate dal Sistema Confcommercio. "Per questo motivo- prosegue la nota- Confcommercio Marche ha ribadito e rafforzato la sua totale contrarietà alle ingiustificate deroghe previste all’interno del pdl, e chiede alla Regione Marche di eliminare con estrema chiarezza le citate proposte emendative che creano delle condizioni di vantaggio per il comparto agricolo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La piazza come una latrina, sorpreso a defecare: costretto a pulire i suoi escrementi

  • Nuovo Dpcm, nessun divieto di circolazione: stop anticipato a bar e ristoranti

  • Nuovo Dpcm, arriva la firma di Conte: ecco cosa cambia da lunedì 26 ottobre

  • Folle corsa per la città, tra speronamenti e sorpassi: l'inseguimento e poi l'incidente

  • Coronavirus, è allerta nel Comune di Ancona: almeno 5 dipendenti in isolamento

  • Il vento della protesta arriva anche ad Ancona

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento