rotate-mobile
Giovedì, 29 Febbraio 2024
Economia

Imprese, contributi agevolati per sostenere le aree terremotate delle Marche

Il supporto riguarda 85 Comuni della regione: 44 in provincia di Macerata, 22 di quella di Ascoli Piceno, 17 del Fermano e 2 della provincia di Ancona

ANCONA - Si chiama "Resto qui" l'iniziativa che mette in campo contribuiti agevolati e a fondo perduto per le attività imprenditoriali e professionali nei comuni delle Marche del cratere sismico. A presentarla, oggi all'Università di Camerino, Intesa Sanpaolo e Invitalia che uniscono le forze per sostenere e accompagnare coloro che vogliono avviare o hanno avviato, dopo il 21 giugno del 2017, attività imprenditoriali nelle aree colpite dal terremoto. L'azione è resa possibile dalla convenzione tra Invitalia, Agenzia per lo sviluppo e Abi, cui a suo tempo Intesa Sanpaolo ha aderito. Il supporto riguarda 85 Comuni della regione: 44 in provincia di Macerata, 22 di quella di Ascoli Piceno, 17 del Fermano e 2 della provincia di Ancona. "Come prima banca italiana e delle Marche siamo impegnati a sostenere imprese e famiglie nei periodi difficili e al contempo alimentare le basi per una rinnovata crescita- spiega Vincenzo De Marino, direttore commerciale Retail Emilia-Romagna di Intesa Sanpaolo- 'Resto qui' rappresenta una misura semplice ed efficace per sostenere la tenuta e la rinascita del tessuto economico e occupazionale delle aree colpite dagli eventi sismici, favorendo la nascita di nuove iniziative da parte dei residenti ma anche di coloro che qui vogliono trasferirsi, contrastando così anche gli eventuali fenomeni di spopolamento". All'iniziativa, aggiunge, "si sommano tutte le misure messe in campo dal gruppo a sostegno delle imprese di ogni dimensione. Quest'anno, per sostenere le aziende italiane ad affrontare la crisi energetica e il contesto determinato dalla guerra, Intesa Sanpaolo ha già stanziato oltre 20 miliardi di euro di plafond, più altri 8 miliardi per le famiglie, per un pacchetto di 30 miliardi complessivi di aiuti per l'economia reale stanziato dal Gruppo".

Nell'ambito di "Resto qui" possono essere infatti finanziate le startup innovative e quelle tradizionali, le iniziative imprenditoriali avviate dopo il 21 giugno 2017 e quelle ancora da costituirsi che operano nei principali settori economici, come artigianato, servizi a imprese e persone, attività turistiche, ristorazione, editoria, trasformazione di prodotti agricoli, commercio all'ingrosso e al dettaglio. Sono invece escluse le attività agricole. Possono fare domanda per le agevolazioni i soggetti tra i 18 e i 55 di età residenti nelle aree del cratere sismico o disponibili a trasferirvisi. Il requisito di residenza può comunque essere soddisfatto trasferendosi nelle aree del cratere sismico entro 60 giorni dalla comunicazione dell'esito della domanda, termine esteso a 120 giorni per chi risiede all'estero. Le agevolazioni prevedono un contributo a fondo perduto pari al 50% delle spese ammissibili erogato da Invitalia, un finanziamento bancario pari al 50% delle spese ammissibili garantito dal Fondo Centrale di Garanzia per le Pmi, un contributo in conto interessi riconosciuto da Invitalia. Rientrano tra le finalità finanziabili anche l'acquisto di impianti, macchinari, attrezzature hardware, software, soluzioni Itc, materie prime e materiali da costruzione. Esclusivamente attraverso il sito www.invitalia.it, possono presentare la domanda le società (anche cooperative), i liberi professionisti e le ditte individuali costituite successivamente alla data del 21 giugno 2017. Per informazioni e assistenza sono a disposizione della clientela le filiali del Gruppo Intesa Sanpaolo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imprese, contributi agevolati per sostenere le aree terremotate delle Marche

AnconaToday è in caricamento