menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Confartigianato, appello per il lavoro: «Riapriamo le imprese»

L’associazione evidenzia le priorità attuali: l’urgenza di far tornare a lavorare le imprese, riformare la burocrazia, puntare su investimenti in infrastrutture materiali e immateriali e individuare progetti adeguati per il Recovery Plan

Un sistema economico messo a dura prova dalla pandemia e da regole che non valorizzano il fare impresa: una situazione per cui è necessario intervenire immediatamente con azioni chiare e decise, per ricostituire le condizioni essenziali proprio per il fare impresa in Italia. I numeri sono allarmanti e parlano chiaro: nel 2020 a fronte di 6.749 iscrizioni e 7.734 cancellazioni, il sistema Marche ha perso 985 attività produttive. Ora c’è bisogno di stabilità politica per dare risposte alle piccole imprese che vivono una fase di precarietà e di disorientamento. E’ il momento di mettere in campo investimenti e riforme strutturali che da troppi anni non sono stati realizzati, facendo attenzione a promuovere il valore del lavoro”.

E’ quanto evidenziano Graziano Sabbatini e Marco Pierpaoli, Presidente e Segretario Confartigianato Ancona – Pesaro e Urbino, che forniscono anche indicazioni precise sulla strada da percorrere d’ora in avanti: “L’urgenza è quella di permettere alle aziende di lavorare con regole chiare che vanno rispettate, per non perdere ulteriore tempo prezioso. Il settore ristorazione deve riaprire, anche a cena, e devono ripartire anche tutte le altre attività sospese perché il blocco crea un danno alle filiere di tutti i settori. Basta con le limitazioni, perché le attività si sono sempre comportate responsabilmente”. Il ciclo dei pagamenti tra aziende private, inoltre, sta subendo una forte riduzione a causa del calo di lavoro, perché le attività che sono sospese o che fatturano meno hanno difficoltà”, spiega Sabbatini. “Questo pone un grandissimo problema, perché si stanno creando circoli viziosi e reazioni a catena che sono pericolosissime e difficili da recuperare. A questa condizione bisogna porre rimedio subito, facendo ripartire l’economia e consentendo alle attività produttive di lavorare. Come diciamo da tempo, non sono le imprese, infatti, a favorire la diffusione del virus, perché hanno sempre adottato e continuano ad adottare tutte le misure per lavorare in sicurezza. Tutto questo deve poi essere accompagnato dai comportamenti responsabili dei cittadini”.

Altro capitolo importante, quello del tracollo dei fatturati, a causa delle sospensioni delle attività, dell’impossibilità di spostarsi tra comuni, o della riduzione degli orari di lavoro. Situazioni che stanno creando un grandissimo malessere in tanti imprenditori.  “Le imprese - spiega Pierpaoli - nonostante tutto, hanno accettato i sacrifici e hanno sempre agito in sicurezza. Eppure, le misure previste per il loro sostegno, come bonus e ristori, non si sono rivelate adeguate e di certo non sono ai livelli di altri paesi europei. Basti pensare che la Germania è il primo paese europeo per aiuti alle imprese in Europa, con l’adeguamento degli indennizzi alle reali perdite di fatturato. Il nostro sistema burocratico, invece – continua Sabbatini - certo non favorisce e non ha favorito la rapidità dell’erogazione dei contributi. Si pensi che le elaborazioni del nostro Centro Studi parlano di 450 misure legislative emesse in Italia durante il 2020 e questo eccesso di produzione normativa ha disorientato il Paese, su tutti le imprese”. E intanto, tra i temi stretta attualità, le decisioni sul Recovery Plan. “E’ necessario individuare progetti che possano davvero offrire un rilancio al Paese – dicono Sabbatini e Pierpaoli – e il Recovery potrà essere una reale occasione di crescita e sviluppo solamente con iniziative in grado di dare davvero un nuovo slancio in vari settori. I punti di intervento prioritario, infatti, su cui il piano dovrà essere costruito sono di certo le riforme della burocrazia, per liberare finalmente le aziende da adempimenti e costi inutili, la digitalizzazione, la transizione green, per creare le condizioni per la competitività delle imprese”. “Alla luce di tutto ciò - concludono Sabbatini e Pierpaoli – è fondamentale agire con una chiara visione di futuro e capacità di programmazione: c’è la necessità di un anno bianco della tassazione, investimenti in infrastrutture materiali e immateriali, minori costi bancari per le imprese, incentivi sulle nuove assunzioni, il rinvio della moratoria sul credito a marzo 2022, solo per citarne alcuni. Riconoscendo sempre l’importanza e il ruolo delle MPMI come cuore e motore dello sviluppo economico e sociale e agendo subito, perché le imprese e il Paese non possono più aspettare”.

Particolare attenzione, infine, deve essere posta al tema del divario sociale tra lavoratori autonomi e chi lavora nel privato e nel pubblico: “Necessario - dicono Sabbatini e Pierpaoli - riuscire a mantenere un equilibrio. La differenza di tutele sta iniziando a creare malumore, con il rischio di aggravare le tensioni sociali già esistenti a causa della precaria situazione economica”. E proprio l’economia ha bisogno delle stesse tutele che adesso si stanno attuando per altri comparti, come quello dell’istruzione. Perché la tutela del futuro dei ragazzi è fondamentale, “e oggi è possibile grazie alla riapertura delle scuole, ma è anche necessario pensare a quello delle imprese, per far sì che si possano creare le condizioni per una vera ripresa”, concludono.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Venerdì firmo la nuova ordinanza, zona rossa fino al 14 marzo»

Attualità

Il nuovo Dpcm, arrivata la firma di Draghi: ecco cosa cambia fino a Pasqua

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento