Economia

Coldiretti Marche: "Dopo dicembre 'bollente' (+3.3 gradi) arriva il gelo, allarme ortaggi"

A preoccupare, in particolare, sono le coltivazioni orticole, dalle insalate alle barbabietole fino ai finocchi. Le gelate notturne potrebbero, infatti, "bruciare" gli ortaggi

Allarme gelate per gli ortaggi in campo dopo un dicembre che ha fatto segnare temperature medie superiori fino a 3,3 gradi rispetto alla media stagionale. A sottolinearlo è la Coldiretti dopo il brusco abbassamento della colonnina di mercurio sull’intero territorio regionale, con freddo e nevicate. A preoccupare, in particolare, sono le coltivazioni orticole, dalle insalate alle barbabietole fino ai finocchi. Le gelate notturne potrebbero, infatti, “bruciare” gli ortaggi.

Il crollo delle temperature arriva dopo che nei primi venti giorni di dicembre si sono registrate temperature medie minime anche di 6,3 gradi, il doppio rispetto al normale (3 gradi), mentre quelle medie massime sono salite addirittura a 11,5 gradi, secondo un’analisi Coldiretti su dati dell’Osservatorio del Mipaaf.

Allarme ortaggi a parte, va sottolineato come l’arrivo del freddo sia però positivo per la maggior parte delle altre colture, con particolare riferimento a cereali e frutteti. In particolare le temperature rigide evitano che i parassiti rimangano attivi e attacchino più facilmente le colture. Lo scorso anno, ricorda Coldiretti, proprio il caldo innaturale nei mesi invernali e il freddo altrettanto inconsueto in primavera ed estate hanno determinato gravi danni alle coltivazioni, con crolli di produzione che hanno interessato tutti i settori.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coldiretti Marche: "Dopo dicembre 'bollente' (+3.3 gradi) arriva il gelo, allarme ortaggi"

AnconaToday è in caricamento