Feste, la Coldiretti lancia la "Battaglia di Natale: scegli l'Italia"

Diecimila allevatori e agricoltori presidieranno simbolicamente il Brennero per protestare contro i fenomeni dell'agropirateria e i prodotti del "finto Made in Italy" che rischiano di trovarsi sui tavoli delle Feste

Dalle scelte di acquisto in queste festività dipendono i posti di lavoro e la sopravvivenza di moltissime imprese. Per salvare il lavoro e le aziende italiane la Coldiretti lancia la "Battaglia di Natale: scegli l'Italia" con diecimila allevatori e agricoltori al Brennero per smascherare il "finto Made in Italy" diretto sulle tavole in vista delle feste, aiutare i consumatori a fare scelte di acquisto consapevoli per se stessi e sostenere il lavoro e le imprese nostrane, ma anche per sollecitare le Istituzioni verso l'obbligo di prevedere l'etichetta con l'origine degli alimenti. Un invito prontamente raccolto dal Comune di Ancona, con il Consiglio comunale che ha votato un ordine del giorno a sostegno dell’iniziativa.

“L’agroalimentare è una componente fondamentale per il nostro Paese della quale andiamo giustamente orgogliosi e i fenomeni dell’agropirateria, delle frodi e delle ‘clonazioni’ rappresentano una grave minaccia, in quanto impoveriscono i nostri territori – spiega il presidente del Consiglio comunale dorico, Marcello Milani -. Anche in una delle sedute più importanti dell’anno, come quella sul riassestamento di Bilancio, non abbiamo voluto far mancare il nostro sostegno a questa battaglia, con un ordine del giorno votato all’unanimità, con un consenso assolutamente trasversale da parte delle forze politiche”.

Mercoledì 4 dicembre dalle ore 9,00 circa diecimila allevatori e coltivatori della Coldiretti provenienti anche dalle Marche, anche con i loro trattori presidieranno il valico del Brennero nell’ambito della mobilitazione per difendere l’economia e il lavoro dalle importazioni di bassa qualità che varcano le frontiere per essere spacciate come italiane. Il campo base è all'area di parcheggio “Brennero” al km 1 dell'autostrada del Brennero – direzione sud (Austria-Italia). Attraverso il valico Brennero giungono in Italia miliardi di litri di latte, cagliate e polveri, ma anche milioni di cosce di maiale per fare i prosciutti, conserve di pomodoro, succhi di frutta concentrati e altri prodotti che stanno provocando la chiusura delle stalle e delle aziende agricole con la perdita di migliaia di posti di lavoro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Blitz in via 25 Aprile, Carabinieri e Polizia in massa blindano la strada: 4 arresti

  • Sette furti, poi l'inseguimento da Polverigi ad Ancona: chi sono gli arrestati di via 25 Aprile

  • Dramma nella notte, Yasmine muore a soli 20 anni: il cordoglio da tutta la città

  • Maxi parcheggio e luminarie: tutto pronto a Vallemiano, l’Eurospin apre i battenti 

Torna su
AnconaToday è in caricamento