Allarme Cna su crisi liquidità e rischio usura per le imprese: «Tenere alta l'attenzione»

L'allarme e' lanciato da Cna Marche che teme la mancanza di liquidita' per far fronte alle spese aziendali

foto di repertorio

ANCONA - Rischio usura per le imprese marchigiane. L'allarme e' lanciato da Cna Marche che teme la mancanza di liquidita' per far fronte alle spese aziendali. Secondo l'elaborazione dei dati Istat fatta dal Centro studi Cna Marche, infatti, il 56,1% delle aziende del sistema produttivo regionale (contro il 51,5% della media nazionale) teme di non poter far fronte alle spese correnti nei prossimi mesi. Il 35,4% teme invece una riduzione della domanda e il 39,9% ritiene ci siano seri rischi per la sostenibilita' dell'attivita'.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Occorre tenere molto alta la soglia dell'attenzione nei prossimi mesi, perche' il problema della mancanza di liquidita' per gli artigiani e per le piccole imprese puo' diventare molto serio- afferma in una nota il segretario Cna Marche, Otello Gregorini-. Il tempo e' fondamentale. I prestiti garantiti dallo Stato devono arrivare rapidamente, con procedure snelle ed automatiche. Occorre semplificare le procedure e gli istituti di credito devono comprendere che siamo in una situazione di emergenza e i finanziamenti alle imprese devono diventare prioritari». Ruolo fondamentale, secondo Gregorini, lo rivestiranno i Confidi. «Vanno coinvolti e finanziati i Confidi che rappresentano da sempre un canale importante per il credito alle imprese e un baluardo contro il rischio usura- continua Gregorini-. Tramite i Confidi, le imprese possono accedere al Fondo nazionale antiusura ed evitare di cadere nelle mani degli strozzini e della criminalita' organizzata». Le imprese marchigiane primeggiano nell'utilizzo della Cassa integrazione a cui ha fatto ricorso il 72,2% delle aziende contro il 63,1% della media nazionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in mare, malore mentre si trova in acqua: muore un 69enne

  • Addio Tiziana, sconfitta da un male spietato: una vita dedicata al suo ristorante

  • Cadono calcinacci dalla galleria, torna regolare la viabilità sulla Statale 16

  • Dramma al cantiere, la gru si ribalta: muore operaio 59enne

  • Crolla una parte del controsoffitto dopo il temporale, la palestra chiude

  • Auto contro bici, investimento-choc: ragazzino portato in codice rosso all'ospedale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento