Economia

Occupazione appesa ad un filo, ad ottobre il blocco dei licenziamenti evita il tracollo

A dirlo è Massimiliano Santini, direttore generale di Cna Ancona, riguardo le ricadute dell'emergenza sanitaria sull'occupazione nella nostra Regione.

Foto di repertorio

«Il dato di ottobre sull’occupazione presso le micro, piccole e medi imprese vede un recupero delle perdite accumulate nei due mesi precedenti, portandosi quasi ai livelli dello scorso anno. Tuttavia questo dato è assolutamente teorico e “drogato” dal blocco dei licenziamenti a tempo indeterminato». A dirlo è Massimiliano Santini, direttore generale di Cna Ancona, riguardo le ricadute dell'emergenza sanitaria sull'occupazione nella nostra Regione.

«È bene precisare -continua Santini- che il dato statico frutto dalle rilevazioni fatte a campione presso le nostre ditte non corrisponde alle reali condizioni del tessuto imprenditoriale, il quale pur mostrandosi resiliente grazie al +0,7% dell’incremento dei posti di lavoro rispetto a settembre, che conferma il trend di tenuta del trimestre precedete, appare di fatto un fenomeno decisamente condizionato dall’intervento governativo. In definitiva il combinato disposto del calo delle assunzioni, pari al - 5% e del forte contenimento delle cessazioni, pari al -16,1%, ci offrono un quadro apparentemente positivo, che tuttavia dovrà essere confermato già a dicembre quando si registra un generale calo degli organici in molti settori ed in particolare nei primi mesi dell’anno, quando, di fronte ad una evoluzione incerta della pandemia e in assenza delle corrispondenti misure a sostegno del lavoro, potremmo assistere alla riaffermazione della situazione occupazionale autentica depurata del regime tutelare».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Occupazione appesa ad un filo, ad ottobre il blocco dei licenziamenti evita il tracollo

AnconaToday è in caricamento