Lunedì, 21 Giugno 2021
Economia

Falconara: boom di visite al Centro per il riuso, nessun oggetto in discarica

Numerose viste e tanto movimento al Centro del riuso di via della Tecnica. Il nuovo servizio comunale decolla velocemente e dopo oltre un mese dall'apertura tra consegne e ritiri il bilancio è in pareggio

Numerose viste e tanto movimento al Centro del riuso di via della Tecnica di Falconara. Il nuovo servizio comunale decolla velocemente e dopo oltre un mese dall’apertura tra consegne e ritiri il bilancio è in pareggio. Insomma l’obiettivo è stato raggiunto: nessun oggetto è andato in discarica.

Dal 24 gennaio ad oggi il Centro del riuso ha fatto registrare costantemente infatti una media di 35 – 40 visite in ogni giornata di apertura. Di queste circa la metà consegnano e l’altra metà ritirano, con un costante movimento, quindi, di oggetti usati che riprendono vita. Oltre 200 ‘grandi oggetti’ sono stati di passaggio al centro e tante anche le minuterie.
 
Gli oggetti più scambiati sono i piccoli elettrodomestici, libri, giochi, soprammobili e televisori. Sono poi transitati anche oggetti più “occasionali”, quali una lampada abbronzante, un termosifone e dei porta bici. Oggetti questi ultimi che sono subito stati prelevati. Finora non è stato necessario conferire allo smaltimento nessuno degli oggetti consegnati, a testimonianza di pieno funzionamento dell’iniziativa.   

Proprio in virtù dell’ ottima accoglienza da parte dei cittadini l’Amministrazione ha dato il via ad alcuni lavori di miglioria interni con la tinteggiatura delle pareti, che presto ospiteranno anche dei pannelli colorati in corso di realizzazione alla Sala Mercato con i bambini delle scuole primarie durante la settimana del Rigioco, organizzata dall’Amministrazione comunale e dal CEA. Anche i pannelli sono costituiti da materiale usato, recuperati presso i magazzini comunali. Da fine gennaio il Centro per il Riuso di via della Tecnica (zona industriale) è aperto al pubblico ogni giovedì pomeriggio dalle 14.30 alle 17.30. Per il futuro, visto anche il successo riscosso tra i falconaresi del servizio partito in via sperimentale, si prevede un’ implementazione delle aperture al pubblico e la possibilità di individuare/attrezzare una struttura che ottimizzi il servizio svolto.

Presso il Centro per il Riuso è possibile prendere o lasciare beni di consumo usati, ma in condizioni di essere ancora efficacemente impiegati per gli usi, gli scopi e le finalità originarie, ciò al fine di promuovere il riuso dei beni usati, prolungandone il ciclo di vita, in modo da ridurre la quantità di rifiuti da avviare a trattamento o allo smaltimento.
Possono essere portati al Centro per il Riuso oggetti di uso comune ancora in buono  stato che possono essere riutilizzati tali e quali come ad es: libri, dischi, piatti e posate, giocattoli, suppellettili, mobili, elettrodomestici funzionanti (ferri da stiro, televisori, asciugacapelli, computer, ecc.).Rimane comunque nella piena facoltà del custode l’accettazione o non accettazione degli oggetti.

La consegna di oggetti al centro del riuso è consentita esclusivamente a cittadini residenti nel comune di Falconara, muniti di documento di identità in corso di validità. L’accesso all’utenza è consentito solo durante l’orario d’apertura stabilito dall’Amministrazione.

Si ribadisce inoltre che rimane comunque sempre aperto il Centro di Raccolta in Via Saline (tutti i pomeriggi 14:30 – 17:30) per il conferimento dei materiali non riutilizzabili.

“L'apertura del centro per il riuso è un ulteriore nuovo servizio a sostegno dei cittadini e dell'ambiente – spiega l’assessore all’ambiente Matteo Astolfi -. I risultati sulla raccolta differenziata ci incoraggiano a proseguire su questa via ed ora vogliamo anche implementare questo sistema del riuso che evita completamento il conferimento di rifiuti in discarica. Ecco i risultati degli ultimi 4 anni da quando sono assessore all'ambiente. Le percentuali di frazione differenziata sono veramente interessanti, visto che nell'arco di neanche un mandato amministrativo siamo riusciti a raddoppiare la differenziata e senza aumenti significativi della Tarsu. Dal 21,96% del 2009, si è passati al 25,23% del 2010. Nel 2011 si arrivati al 32,32%,  fino al 42,50% del 2012 (dato quest’ultimo in cui manca la raccolta effettuata nel mese di dicembre; ndr)”.

Modalità di consegna

Il con feritore consegna il bene usato a titolo di donazione, mediante la cessazione gratuita a terzi. All’atto della consegna l’utente compila la relativa scheda e l’accettazione avviene da parte del custode. È facoltà di quest’ultimo non accettare tipologie di beni ritenuti non gestibili per eccessivo ingombro, per la sicurezza del centro e degli operatori o per altre ragioni, che vanno rese note all’utente. Il custode deve procedere quindi alla compilazione della scheda di catalogazione bene con attribuzione del relativo codice identificativo secondo il repertorio di catalogazione. Infine può avvenire l’immagazzinamento e l’esposizione.

I beni devono essere conferiti all’interno del centro da parte dell’utente, essendo esclusa ogni operazione di facchinaggio da parte del personale presente. Il conferimento deve avvenire in maniera ordinata e divisa per tipologia avendo cura di non provocare danneggiamenti. Non possono inoltre essere conferiti beni destinati alla rottamazione collegata ad incentivi fiscali. È facoltà del gestore sospendere o limitare i conferimenti ed i prelievi in caso di mancato rispetto delle condizioni generali di funzionamento del Centro.

Modalità di presa in carico

I materiali o oggetti depositati nei locali destinati al Centro del riuso possono essere prelevati da chiunque ne faccia richiesta. Gli utenti compilando la scheda apposita si assumono ogni onere relativo a ciò che prelevano, sollevando l’Amministrazione comunale da ogni responsabilità sul bene prelevato, compresi eventuali danni  a cose e/o persone che l’uso, proprio ed improprio, degli oggetti prelevati possa produrre.

Il prelievo è gratuito.

I beni devono essere prelevati dal Centro direttamente da parte dell’utente, essendo esclusa ogni operazione di facchinaggio da parte del personale presente. Sarà  vietato il prelievo da parte di operatori commerciale dell’usato. Il materiale prelevato verrà registrato dal custode in apposito registro di uscita su cui verrà annotato il codice identificativo dell’oggetto e la data.

N.B. sul sito istituzionale del Comune di Falconara www.comune.falconara-marittima.an.it  è possibile visualizzare la mappa con la posizione precisa del Centro per il riuso

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Falconara: boom di visite al Centro per il riuso, nessun oggetto in discarica

AnconaToday è in caricamento