Giovedì, 17 Giugno 2021
Economia

Piattaforma di ricerca e innovazione: approvato il progetto di fattibilità

La Giunta regionale ha approvato le linee guida operative di JANUS 275, il progetto di Piattaforma fisica di ricerca e innovazione per il settore degli apparecchi domestici e professionali

Gian Mario Spacca

La Giunta regionale ha approvato le linee guida operative di JANUS 275, il progetto di Piattaforma fisica di ricerca e innovazione per il settore degli apparecchi domestici e professionali.

“Abbiamo mantenuto gli impegni in tempi rapidissimi - dichiara il presidente della Regione, Gian Mario Spacca - per sviluppare questo progetto di politica industriale che mira a sostenere il radicamento in Italia di tutto il settore degli apparecchi domestici e professionali. Abbiamo lavorato in agosto per presentarci con le carte in regola alla ripresa del confronto di settembre nei tavoli nazionali. L’obiettivo è puntare su ricerca e innovazione quale leva strategica  per favorire i processi di sviluppo competitivo e tenuta occupazionale dell’intera filiera di settore, con una forte ricaduta territoriale. Inoltre l’obiettivo è dotare la nostra regione, finalmente, di un centro di ricerca nazionale in uno dei settori dove maggiore è la produzione di valore nell’economia regionale. Si vuole agevolare così la tutela occupazionale, rafforzando la competitività delle attività a più elevato margine della catena del valore della filiera produttiva. Il progetto prevede la localizzazione della Piattaforma nelle Marche, anche in considerazione della specializzazione produttiva più elevata in Italia a cui fa riscontro l’assenza di centri di ricerca nella regione. Siamo molto realisti: il progetto non risolve certamente tutti i problemi del settore, ma è sicuramente in grado di offrire opportunità rilevanti per sostenere strategie competitive ancorate al mantenimento in Italia di produzioni e lavoro. Il tema della competitività viene affrontato dunque nella maniera più decisa. L’augurio è che questo progetto di politica industriale possa favorire un’evoluzione positiva anche della vicenda Indesit, a tutela del lavoro e della coesione sociale dell’intera comunità marchigiana”.

“Il progetto – dice il professor Marco Pacetti, incaricato della stesura del progetto - parte dall’analisi del contesto economico, tecnologico e di policy del settore degli apparecchi domestici e professionali per poi definire obiettivi, caratteristiche e attività operative della Piattaforma fisica ricerca e innovazione quale iniziativa di politica industriale a sostegno dello sviluppo e dell’occupazione del settore”.


SCHEDA DI APPROFONDIMENTO: JANUS 275, LA PIATTAFORMA FISICA DI RICERCA E INNOVAZIONE PER IL SETTORE DEGLI APPARECCHI DOMESTICI E PROFESSIONALI
 

Il contesto economico, tecnologico e di policy del settore.

Gli apparecchi domestici e professionali rappresentano uno dei principali punti di forza del made in Italy, contribuendo in maniera strutturale alla creazione del reddito contribuendo con 15 miliardi di € di fatturato di cui il 60% di export e generando occupazione con 130.000 unità impegnate.

E’ un settore dell’industria manifatturiera nel quale l’Italia ha consolidato nel corso degli ultimi 50 anni una significativa leadership produttiva a livello europeo e mondiale. Appare, pertanto, rilevante la progettazione e realizzazione di interventi di politica industriale volti a contenere la perdita dei livelli produttivi osservata nell’ultimo decennio e a rilanciare la capacità competitiva dell’intera filiera produttiva.

La possibilità di mantenere in Italia una significativa attività manifatturiera in tale settore è associata ad una strategia di politica industriale volta a perseguire i seguenti principali obiettivi:

1.rafforzare la capacità innovativa delle imprese sui prodotti, sui processi e nell’organizzazione, soprattutto attraverso un più stretto raccordo con le istituzioni di ricerca; si tratta di modificare il modello di innovazione delle imprese dando maggiore enfasi al modello STI (Science, Technology and Innovation) rispetto al modello DUI (learning by Doing, Using and Interacting) prevalente nelle imprese italiane, in particolare quelle di piccola e media dimensione valorizzando il rapporto tra imprese di diverse dimensioni e con diverse specializzazioni;

2.rafforzare le relazioni di filiera con la finalità di facilitare i processi innovativi e diminuire i tempi di sviluppo di nuovi prodotti.

Obiettivi e attività della Piattaforma fisica di ricerca e innovazione

La costituzione di una ‘Piattaforma tecnologica fisica’ dedicata alla ricerca e sviluppo in tale settore costituisce un elemento chiave per il conseguimento di tali obiettivi.

Le attività della Piattaforma si focalizzeranno sui seguenti ambiti:

a)    Ricerca e Sviluppo
b)    Trasferimento Tecnologico
c)    Foresight Tecnologico
d)    Alta Formazione (Dottorato Industriale)
e)    Public Procurement.

 
La Piattaforma sviluppa e promuove progetti di ricerca e sviluppo, formazione e trasferimento tecnologico per l’intera filiera del settore degli apparecchi domestici e professionali, con una forte ricaduta territoriale, anche con bandi nelle aree strategiche per la competitività del settore, quali domotica, sensoristica, nanotecnologie, design.

Le principali linee di ricerca della Piattaforma, infatti, si fondano su alcuni aspetti chiave degli apparecchi domestici del futuro. Un primo gruppo di temi hanno caratteristica trasversale e attengono sostanzialmente alla progettazione ed al rapporto con il consumatore e riguardano:

-        in primo luogo la smartness, ossia la possibilità di inglobare al proprio interno elementi di “intelligenza” in grado di farli funzionare autonomamente e “colloquiando” con l’ambiente circostante; quindi potranno essere contestualizzate nel paradigma ormai noto dell’Internet of  Things.
-        un secondo aspetto importante è la centralità dell’utilizzatore, questo significa ideare dispositivi che siano piacevoli da usare sia per le funzionalità che mettono a disposizione sia per i meccanismi facili di interazione con l’utente;
-         in terzo luogo, la sostenibilità ambientale dei prodotti e dei processi legati al ciclo di vita. Quindi è necessario studiare soluzioni che portino alla massima eco-sostenibilità sia nella fase di uso che nelle fasi di produzione e fine vita.

Un secondo gruppo attiene alla parte “hard” della produzione e riguarda:

-        i materiali utilizzabili per costruire i componenti, per rivestire le parti ed ottenere le finiture volute, per realizzare processi tecnologici particolari ecc. Quindi un ulteriore pilastro della piattaforma deve essere lo studio di materiali innovativi, anche basati su nanotecnologie.
-        gli aspetti relativi alla manifattura delle apparecchiature in oggetto. Essi sono  legati alla necessità di mettere a punto tecnologie più idonee, anche migliorando quelle esistenti, in termini di sostenibilità economica, energetica e ambientale dei processi, dei sistemi di produzione e delle fabbriche.

Per completare e rendere più pervasiva ed efficace l’azione della Piattaforma sono previste anche linee di azione verso l’esterno inteso sia come mondo delle imprese, della filiera o comunque interessate, che verso il mondo dei cittadini consumatori.

Vanno inquadrate in queste linee le attività di trasferimento tecnologico, sostenuto da percorsi di alta formazione (nuovi Dottorati Industriali) di Foresight Tecnologico e di Public Procurement di Innovazione Tecnologica.

La gestione della Piattaforma di ricerca e sviluppo viene affidata ad un soggetto pubblico (Fondazione) con il coinvolgimento dei Ministeri più direttamente interessati, a partire da MIUR e MISE, del CNR e delle Regioni.

Il CNR svilupperà uno specifico presidio territoriale fisico dell’ente di ricerca e la Fondazione potrà aprirsi alla collaborazione anche di altri istituti di ricerca, anche internazionali. La sede è prevista nello stesso stabilimento di Melano (AN).

Le fonti di finanziamento a supporto della piattaforma sono europee, nazionali e regionali. Tra queste: risorse UE 2014-202; risorse cluster nazionali “ambient assisted living” e “fabbrica intelligente”; progetto domotica regionale; ecc.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piattaforma di ricerca e innovazione: approvato il progetto di fattibilità

AnconaToday è in caricamento