Giovedì, 17 Giugno 2021
Economia

Fiera di Senigallia, le confederazioni: "Si torni alle tariffe del 2010"

Fiera di Senigallia: si torni alle tariffe del 2010. Continua la battaglia di Confcommercio e Confesercenti per tutelare al massimo gli ambulanti

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

"La riduzione del 30% è un dato acquisito ma ora si punta ad un ulteriore taglio del 10% che riporterebbe i costi della Fiera di Sant'Agostino di Senigallia sui livelli del 2010. Non si ferma dunque il lavoro di Confcommercio Marche e Confesercenti Marche che continuano la loro opera di cesura tra l'amministrazione senigalliese e gli ambulanti per ridurre le tariffe applicate nelle ultime edizioni della Fiera di Sant'Agostino tanto che la kermesse del 2012 sarebbe potuta saltare proprio per i costi insostenibili in un momento di grande crisi economica.

Dopo un anno di lavoro Confcommercio e Confesercenti hanno ottenuto la riduzione della tariffa del 30% per i commercianti e ieri, in un incontro con gli ambulanti e con l'amministrazione di Senigallia, hanno ribadito il risultato conquistato e quelli da raggiungere di qui a breve: “Vogliamo che si torni alle tariffe del 2010 per dare modo agli ambulanti di continuare il loro lavoro in una situazione sempre più difficile –  hanno detto i direttori regionali di Confcommercio Massimiliano Polacco e di Confesercenti Ilva Sartini –, e vogliamo che siano riqualificati i luoghi del mercato affinchè sia più attrattivo. Per questo è stata avviata questa vertenza in sinergia, con l'obiettivo di sensibilizzare il Comune di Senigallia sulle problematiche del commercio su aree pubbliche”.

La vertenza ambulante su Senigallia è dunque tutt'altro che chiusa nonostante i segnali positivi che continuano ad arrivare. Una prima riduzione della tariffa per la fiera di Senigallia è stata garantita, il ribasso previsto nel 2012 significa un passaggio dagli 833 euro circa ai 650 euro, e a questa si aggiunge l'intesa, in sede di conferenza unificata, per il rinnovo della licenza per il quale l'anzianità di servizio sarà il primo criterio di valutazione. Un passo importantissimo che tutela il lavoro dei commercianti ambulanti."

Confcommercio - Confesercenti
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fiera di Senigallia, le confederazioni: "Si torni alle tariffe del 2010"

AnconaToday è in caricamento