menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tasse: Ancona Entrate riscuote 43mln, i contribuenti pagano a rate

Raccolti nel 2011 oltre 43 milioni di euro fra Ici, Tarsu e Tosap, ma i contribuenti in difficoltà chiedono la rateizzazione. C'è poi un "tesoretto" da riscuotere: quello dei "portoghesi" del bus

Più di diciassette milioni di Ici , 18,8 di Tarsu e 1,63 di Tosap: Ancona Entrate ha raccolto nel 2011 più di 43 milioni  (per l’esattezza 43.325.330 euro), con un incremento rispetto al 2010 di 1,3 milioni (senza considerare i riscatti delle case popolari, cifra variabile che diminuisce via via che gli inquilini diventano proprietari).
Se dunque per la partecipata del Comune dorico (ma sarebbe il caso di parlare di “posseduta”, visto che Palazzo del Popolo è azionista al 100%) sono tempi floridi, altrettanto non si può dire dei contribuenti anconetani, che sempre più spesso - come riporta Il Corriere Adriatico - ricorrono alla rateizzazione del pagamento dei  tributi possibilità offerta da Ancona Entrate su tutti i balzelli.
Spesso si tratta di famiglie monoreddito, con entrate inferiori ai 20mila euro annui, e anche alcuni pensionati.

AUTOBUS. Ancona Entrate ha anche assunto il recupero credito per conto dell’Atma. Quello della persecuzione dei cosiddetti “portoghesi” (come vengono chiamati i furbetti che viaggiano a scrocco sui mezzi pubblici) è una missione difficoltosa ma interessante per l’agenzia di riscossione, se si pensa che, a fronte di una multa di 70 euro per 6mila solleciti inviati, si parla di un “tesoretto” che supera i 400mila euro. L’agenzia punta a un più realistico 20-30% di recupero, comunque una cifra niente male per le casse comunali.
 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Ancona usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento