Api, accordo raggiunto: 50milioni sul piatto, ma la Fiom è scettica

Trovata la quadra fra sindacati (con l'eccezione della Fiom) e la proprietà sull'accordo per la Raffineria Api di Falconara. Soddisfatto il sindaco Brandoni, informato nel corso del consiglio comunale

Trovata la quadra fra sindacati (con l’eccezione della Fiom) e la proprietà sull’accordo per la Raffineria Api di Falconara, un accordo che, come riportato dal Messaggero, prevede un investimento di 35 milioni da parte dell'azienda per la trasformazione della centrale Igcc a metano, altri 10 milioni per investimenti all'interno della raffineria per migliorie e ripartenza e infine altri 5 milioni per le manutenzioni.

Soddisfatto il sindaco Brandoni, informato dell’esito della trattativa nel corso del consiglio comunale di ieri, mentre la Fiom ha espresso riserve sulla mancanza di certezze per i lavoratori dell’indotto: il sindacato teme un calo del 30% dell’occupazione. L’assessore regionale Lucchetti convocherà la direzione Api a gennaio, mentre dopo il 5 dicembre si riuniranno in assemblea anche i lavoratori delle ditte appaltatrici della raffineria falconarese.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Macabra scoperta al cimitero, neonato mummificato trovato sopra una bara

  • Si fingono clienti, ma sono poliziotti: la squillo prende il cellulare e lo ingoia

  • Ucciso da un'auto davanti all'ospedale, Giuseppe era andato a trovare la moglie

  • Malore durante una partita di tennis, rianimato sul posto: è gravissimo

  • Tragedia al cantiere, muore un operaio

  • Imprenditoria in lutto, un malore in bici gli è stato fatale: addio a Sandro Paradisi

Torna su
AnconaToday è in caricamento