rotate-mobile
Cronaca

Marche in zona gialla, cosa resta "vietato" da lunedì prossimo

Allentamento delle misure restrittive anche nelle Marche, ma non si tratta ancora di un "libera tutti". Cosa c'è da sapere

Tre quarti d'Italia in zona gialla da lunedì 26 aprile, Marche comprese. Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di Regia, firma ordinanze che andranno in vigore a partire dal 26 aprile. In zona rossa ci rimane solo la Regione Sardegna, che era stata l'unica un mese e mezzo fa ad aver assaporato per tre settimane la zona bianca (esperimento fallito). In zona arancione da lunedì ci sono Basilicata, Calabria, Puglia, Sicilia e Valle d'Aosta. Tutte le altre Regioni e Province Autonome sono in zona gialla. A passare quindi in zona gialla e a vedere un sostanziale allentamento delle misure restrittive saranno Lombardia, Abruzzo, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Piemonte, Umbria, e Veneto. Cosa si può fare in zona gialla e cosa resta ancora vietato? Sì, le regole e i divieti sono meno impattanti rispetto alla zona arancione e rossa. I ristoranti aprono la sera, anche se solo all’aperto, la scuola torna in presenza, sono permessi gli spostamenti tra regioni. Non riaprono però tutte le attività.

Ma Acquaroli tuona: «Coprifuoco inaccettabile» | VIDEO

Spostamenti e visite

Da lunedì di fatto sono consentiti gli spostamenti tra le regioni che si trovano in zona gialla. Ma chi ha 'certificazione verde' o 'green pass' può procedere con spostamenti tra regioni che si trovano in zona arancione o rossa (anche se ci sono dubbi sulla privacy). Il certificato deve attestare o l’avvenuta guarigione da Covid-19 o l’esito negativo di un tampone effettuato nelle 48 ore precedenti lo spostamento o la vaccinazione. Ricordiamo che in zona gialla da lunedì 26 aprile è consentito un solo spostamento al giorno per visitare parenti o amici. Lo spostamento deve avvenire tra le ore 5 e le ore 22 e sarà consentito al massimo a quattro persone, oltre a quelle già conviventi nell’abitazione di destinazione. Nel numero delle quattro persone non sono conteggiati i minorenni sui quali si esercita la responsabilità genitoriale e anche ovviamente le persone disabili o non autosufficienti. E' evidente come sia assolutamente impossibile controllare quanti spostamenti faccia un singolo nel corso della giornata. Non si capisce quindi il senso di questo limite a un unico spostamento, se non quello di far passare il messaggio che l'emergenza non è finita.

Ristoranti, bar, scuola e università 

Da lunedì 26 aprile nelle regioni in zona gialla riaprono i ristoranti a pranzo e a cena, ma "con consumo al tavolo esclusivamente all’aperto". Ma il coprifuoco resta alle 22. Per quel che riguarda le scuole, dal 26 aprile, fino alla fine dell’anno scolastico si torna in classe anche nelle scuole superiori. La presenza è garantita in zona gialla dal 70% al 100%. Anche per le università nelle zone gialle le attività si svolgono prioritariamente in presenza. Nel decreto è previsto che le università possano organizzare le attività in presenza o a distanza contemperando la sicurezza sanitaria con un adeguato ed efficace svolgimento delle attività programmate, in pratica si seguono le linee guida del ministero della Salute: distanza di un metro, mascherina da indossare. Si riapre in base non a percentuali, ma in base alla capienza all'interno delle aule: ogni ateneo è autonomo.

Sport, spettacoli e teatri 

Da lunedì nelle regioni in zona gialla è consentito lo svolgimento all’aperto di attività sportiva, anche di squadra e di contatto, come il calcetto. Sempre vietato l'uso degli spogliatoi. Le piscine all’aperto in zona gialla riaprono solo il 15 maggio, le palestre riaprono solo il 1 giugno. Infine, da lunedì 26 aprile tornano gli spettacoli aperti al pubblico a teatro, nelle sale da concerto, al cinema. Gli spettacoli dovranno svolgersi prevedendo posti a sedere preassegnati, a distanza di almeno un metro l’uno dall’altro. La capienza massima consentita è del 50% di quella massima: mai più di 500 spettatori al chiuso e 1000 all’aperto. Buona zona gialla a tutti.

Saltano le riaperture dei centri commerciali nel weekend

Saltano le riaperture dei centri commerciali nel weekend, da metà maggio, per le zone gialle. Presenti nelle bozze del dl che hanno disegnato la 'roadmap' sulle riaperture, non ci sono nel testo pubblicato in Gazzetta Ufficiale: secondo quando denunciato da Federdistribuzione, la riapertura prevista dal 15 maggio non è presente nel decreto 'bollinato'. Dunque, resterebbe in vigore la misura contenuta nei precedenti provvedimenti che stabiliva la chiusura il sabato e la domenica e, più in generale, nei festivi e prefestivi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marche in zona gialla, cosa resta "vietato" da lunedì prossimo

AnconaToday è in caricamento