Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Arrestati zio e nipote: accusati del tentato colpo da Qirat a Jesi

Due uomini sono stati arrestati, dai carabinieri di Jesi in collaborazione con i militari di Brindisi, per la tentata rapina a mano armata del 9 agosto alla gioielleria Qirat di Jesi. Accusati di concorso in tentata rapina a mano armata

I militari di Jesi, in collaborazione con i carabinieri del Nucleo Operativo di Brindisi, hanno arrestato due pugliesi, zio e nipote, con l'accusa di tentata rapina alla gioielleria Qirat di Jesi.

I due uomini A.R, 41enne di Brindisi e D.B.G, 34enne di Brindisi sono ora accusati di concorso in tentata rapina a mano armata. Il primo, intercettato sul litorale di Falconara, è ora rinchiuso nel carcere di Montacuto, mentre il più giovane si trova nella casa circondariale di Brindisi.


Dopo innumerevoli attività investigative i carabinieri sono risaliti ai due, e si pensa abbiano commesso ulteriori rapine. Ora per loro verrà richiesta l'emissione della misura di prevenzione del foglio di via obbligatorio dai principali centri della Vallesina.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arrestati zio e nipote: accusati del tentato colpo da Qirat a Jesi

AnconaToday è in caricamento