Fabriano, Whirlpool-Indesit: scatta la protesta dei lavoratori

Saranno giornate di mobilitazione dopo la notizia del nuovo piano aziendale integrativo della Whirlpool-Indesit, che prevede la chiusura dello stabilimento di Albacina oltre alla conta di 1.350 esuberi in tutto gli stabilimenti d'Italia

Operaio Indesit

Ieri é stata subito protesta dei lavoratori fabrianesi alla notizia del nuovo piano aziendale integrativo della Whirlpool-Indesit, che prevede la chiusura dello stabilimento di Albacina. E oggi sarà un altro giorno di mobilitazione. Ieri gli operai della Indesit di Albacina hanno bloccato la Strada provinciale 256 Muccese. Erano le 16:00 circa quando si sono diretti verso la superstrada Ancona-Roma per protestare contro un piano da 1.350 esuberi in tutta Italia e che, per quanto riguarda Albacina, prevede il trasferimento di tutto lo stabilimento a Merano.

Oggi sono previsti scioperi a singhozzo di un’ora, con assemblee dei lavoratori in tutte le fabbriche, centri di ricerca e uffici della Whirpool-Indesit delle Marche. Lo ha annunciato lo stesso Fabrizio Bassotti della Fiom Cgil, che ha ribadito come sia prevista un'ora di assemblea in sciopero in tutti gli stabilimenti Indesit: ad Albacina, Melano, nella sede centrale dell'azienda, e a Ca' Maiano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il nuovo Dpcm arriva il 3 dicembre, limitazioni tra regioni e raccomandazioni per il Natale

  • Marche di nuovo in zona gialla, Acquaroli: «C'è la conferma del ministro Speranza»

  • Blitz in via 25 Aprile, Carabinieri e Polizia in massa blindano la strada: 4 arresti

  • Sette furti, poi l'inseguimento da Polverigi ad Ancona: chi sono gli arrestati di via 25 Aprile

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

Torna su
AnconaToday è in caricamento