La mission di Virginia: aiutare i bambini migranti. A 17 anni è Alfiere della Repubblica

La studentessa jesina ha ricevuto la prestigiosa onorificenza dal Presidente Mattarella per aver fondato il gruppo marchigiano "Younicef - Young for Unicef" e per la sua lotta contro i pregiudizi

Virginia Barchiesi, 17 anni di Jesi

Ha 17 anni, vive a Jesi ed è una giovane volontaria fondatrice del gruppo "Younicef - Young for Unicef" della regione Marche. Virginia Barchiesi è tra i 25 giovani che il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha premiato con l’Attestato d’onore di Alfiere della Repubblica per essersi distinti come costruttori di comunità, attraverso la loro testimonianza, il loro impegno, le loro azioni solidali. «Per l'impegno profuso in difesa dei diritti dei bambini migranti e dei giovani rifugiati, per la ricerca e la promozione di un linguaggio che cancelli i pregiudizi e aiuti l'inclusione» è stata premiata Virginia, che in questi anni ha organizzato eventi di raccolta fondi e di sensibilizzazione, diffondendo con passione la missione dell'Unicef nella sua realtà territoriale.

Particolarmente importante è stato il suo impegno nel coinvolgimento di oltre 2.000 studenti sul tema dei minorenni stranieri non accompagnati attraverso l'organizzazione di assemblee d'istituto congiunte. Inoltre, Virginia ha collaborato alla realizzazione di laboratori sui diritti dell'infanzia dedicati ai bambini migranti e all'insegnamento della lingua italiana per giovani rifugiati. Si è distinta per l'impegno nella creazione di una nuova narrazione contro i discorsi d'odio e per aver ampliato il dibattito con un Ted Talk dal titolo "We Want to Belong!" in occasione della Giornata mondiale del Rifugiato e un Activate Talk sull'Hate Speech in occasione dell'evento nazionale "Unicef Generation". Infine, preziosi sono i suoi contributi per il blog internazionale dell'Unicef "Voices of Youth" sulla guerra in Siria. Virginia è una ragazza propositiva ed entusiasta, appassionata di letteratura, politica internazionale e lingue straniere, al cui studio si è dedicata per soddisfare il grande desiderio di conoscenza dell'altro.

«Abbiamo appreso con grande commozione e gioia che la nostra volontaria Unicef Virginia Barchiesi, 17 anni, è stata insignita dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, dell'Attestato d'onore di nuovo Alfiere della Repubblica: è una notizia che ci rende particolarmente orgogliosi, proprio perché viene premiata una ragazza così giovane che si impegna per un futuro più giusto e solidale», ha dichiarato il Presidente dell'Unicef Italia Francesco Samengo. «Virginia è una brillante rappresentante dei valori dell'Unicef a cui esprimiamo tutta la nostra gratitudine per l'impegno, la serietà, la costanza e la passione con cui immagina e realizza ogni iniziativa, dando coerenza alle sue parole con azioni che rappresentano concretamente gli ideali in cui crede», ha aggiunto Samengo. Virginia, come gli altri Alfieri (25 in tutto, tra loro anche Maria Gabriella Lucarini, 11 anni, premiata «Per l'attaccamento dimostrato a Camerino, città nella quale è cresciuta e di cui è diventata, dopo il terremoto, testimone della volontà di ricostruzione») insigniti dal Presidente della Repubblica, sono, come si legge nella nota del Quirinale, «giovani che si sono distinti come costruttori di comunità, attraverso la loro testimonianza, il loro impegno, le loro azioni coraggiose e solidali. Sono giovani che rappresentano modelli positivi di cittadinanza e che sono esempi dei molti ragazzi meritevoli presenti nel nostro Paese». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

  • Pauroso incidente a Sappanico, dell'auto rimane solo la carcassa

  • «Democrazia sospesa dai Dpcm, ora querele contro chi li applica: polizia e sindaci»

Torna su
AnconaToday è in caricamento