Sabato, 13 Luglio 2024
Cronaca

Carezze spinte ad una bimba in libreria: «Mamma quell'uomo mi ha toccata». Ora rischia un processo per violenza sessuale

Accusato un 65enne. Si sarebbe strusciato su una bambina che non aveva nemmeno 14 anni. Palpeggiamenti anche alle parti intime. La vittima in lacrime aveva chiesto aiuto

ANCONA – Era in libreria, con la sorella più grande, quando un uomo l'avrebbe molestata. Prima si sarebbe strusciato su di lei, mentre era intenta a guardare una scaffalatura di libri per ragazzi, poi le avrebbe allungato una mano alle parti intime infilandola nella tasca del suo giubbetto. Pochi minuti in cui la vittima, che non aveva nemmeno 14 anni all'epoca dei fatti, è rimasta impietrita dalla paura trovando però alla fine la forza di chiedere aiuto. «Quell'uomo mi ha toccata». Lo aveva urlato piangendo, all'interno di un negozio del centro cittadino, il 20 febbraio dello scorso anno. In libreria era scoppiato il caos. La mamma, arrivata di corsa dopo essere uscita per pochi minuti a bere un caffè, aveva preso subito le difese della bambina che indicava il maniaco ancora lì presente. Una brutta scena che si era conclusa con l'arrivo della polizia. L'adulto era stato portato in questura per accertamenti. Anche la minore aveva raggiunto gli uffici e con la presenza di uno psicologo aveva raccontato quanto subito.

Una dichiarazione sembrata attendibile ai poliziotti che avevano poi denunciato l'adulto, sconosciuto alla minore, per violenza sessuale aggravata perché nei confronti di una bambina con meno di 14 anni. L'accusato ha sempre respinto gli addebiti. La Procura ha chiuso l'indagine chiedendo il rinvio a giudizio per l'uomo, difeso dall'avvocato Marcellino Marcellini. Oggi, nell'udienza preliminare davanti alla giudice Francesca De Palma, la bambina si è costituita parte civile con l'avvocato Andrea Nobili. Stessa cosa ha fatto il padre, con l'avvocato Bernardo Becci. Le accuse sono tutte da dimostrare. Non c'erano telecamere nella libreria e nemmeno testimoni diretti. Solo il racconto della vittima. L'udienza preliminare è stata aggiornata al 29 gennaio quando la giudice deciderà se rinviarlo o meno a giudizio. L'accusato ha tempo per chiedere se essere processato con un rito alternativo.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carezze spinte ad una bimba in libreria: «Mamma quell'uomo mi ha toccata». Ora rischia un processo per violenza sessuale
AnconaToday è in caricamento