Si insultano in chat poi si incontrano, ragazzine si picchiano davanti a decine di coetanei

Il diverbio, nato su una chat, è poi sfociato in una lite furiosa davanti ad un centinaio di coetanei. Sul posto intervenuta la Polizia

Foto d'archivio

Prima si scambiano insulti su un gruppo WhatsApp, poi si incontrano ai giardini pubblici di viale Cavallotti e si picchiano davanti ad un centinaio di coetani. E' questo quanto accaduto nel pomeriggio di oggi a Jesi. Ad avvertire la Polizia, quando da poco erano passate le 17, è stato un giovane calciatore della Jesina, che passando in zona ha sentito le urla provenire dall'antistadio del vicino "Carotti". Intorno alla rissa circa 100 ragazzi che, smartphone in mano, scattavano foto e video mentre osservavano due ragazze di 13 anni darsele di santa ragione 

Il motivo della lite? Alcuni insulti che le due giovanissime si erano scambiate poche ore prima sul gruppo della famosa chat di messaggistica online. A quel punto è stata allertata la Polizia, intervenuta alcuni minuti dopo con una Volante. La lite è stata sedata e le minorenni affidate ai genitori. Per loro nessuna grave conseguenza fisica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • Nuove regole e quasi tutta Italia in zona arancione: ecco la situazione nelle Marche

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

  • Telefonata choc dal porto: «Aiuto, mi hanno stuprata in tre»

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

Torna su
AnconaToday è in caricamento