L'80% dei consumatori di vino apprezzano il Verdicchio: «I comuni tornino a lavorare insieme»

La capacità di tanti produttori di Verdicchio di mettersi insieme per migliorare la comunicazione del brand è un esempio virtuoso di come vanno affrontate le sfide di oggi

Vigne di Verdicchio

«Una recente indagine ha rivelato che l'80% dei consumatori di vino apprezzano il Verdicchio. Ottimo il lavoro dei produttori che si sono riuniti nell'Imt, hanno deciso di fare squadra, conquistando importanti quote di mercato e facendo decollare il brand. Ecco questo è un esempio da replicare, l'unica speranza che abbiamo è quella di aggregarci, peccato che ancora oggi c'è chi non lo capisce e oppone resistenze. Bene fa Osvaldo Pirani ad insistere sul concetto di territorio e di coesione, andare da soli non porta lontano». Sono queste le parole dell'assessore regionale Manuela Bora che mercoledì scorso, a Palazzo dei Convegni a Jesi, si è parlato di questo, con ospiti importanti come la vice presidente della Regione Anna Casini, il consigliere Enzo Giancarli e diversi produttori locali di Verdicchio. Un vino che può rappresentare un volano anche per il turismo, la cultura, la ricettività e l'economia in genere. A patto che il territorio sappia identificarsi con la sua eccellenza e comunicarla in modo intelligente a sentire il Partito Democratico, convinto che per far questo occorre che i vari comuni della Vallesina tornino a lavorare insieme e il ruolo di Jesi qui è determinante.

Ad aprire la discussione il candidato sindaco del Pd a Jesi Osvaldo Pirani per cui «Il Verdicchio è uno dei vini bianchi migliori al mondo, fuori lo sanno tutti, qui sembriamo non crederci abbastanza. Avere un prodotto buono non basta: serve un respiro ampio, moderno, alzare il livello dei contenuti, imparare a programmare». Anna Casini ha spostato il discorso sulle opportunità che derivano dal Psr: «La programmazione della Regione punta sull'innovazione, sul ricambio generazionale, sulla tutela del paesaggio e sulla filiera, quindi sulla capacità di fare rete. Ci sono importanti risorse a disposizione. Di recente abbiamo ottenuto un grandioso risultato anche per il nostro olio, che finalmente ha ottenuto l'Igp: siamo riusciti a mettere tutti insieme, pur nelle tante peculiarità che contraddistinguono le Marche. Mi fa piacere vedere che il pensiero di Osvaldo Pirani è in piena sintonia con la direzione scelta dalla Regione. E' una grande opportunità, per Jesi, smetterla di guardarsi l'ombelico e cominciare a confrontarsi con il suo territorio di elezione».

incontro verdicchio-2Tra i produttori vinicoli della zona che sono intervenuti al dibattito, anche Stefano Balducci, che sarà candidato consigliere nella lista del Partito Democratico: «Il Verdicchio è apprezzato dappertutto, i numeri sono in continua crescita, ora serve il supporto delle istituzioni. Da troppi anni manca, proprio nel centro di Jesi, un contenitore in cui ospitare eventi di più alto livello, accogliere giornalisti e visitatori internazionali, insomma una vetrina per il Verdicchio. Ci si sta lavorando, d'accordo, ma forse è il caso di accelerare. Poi serve un festival. Nel territorio ci sono tante sagre, belle, divertenti, ma manca l'evento ambizioso, che ci faccia alzare il tiro. C'è ovunque e i soldi ci sarebbero. Una iniziativa del genere non favorirebbe solo noi produttori, ma il territorio nel suo insieme».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Meteo, arriva il freddo russo sulle Marche: tracollo termico e neve a basse quote

  • «Tutto esaurito, clienti felici e niente multa»: chef Luana fa il sold out e stasera si replica

  • Tremendo frontale sulla provinciale, veicoli distrutti: c'è una vittima

  • «Zona arancione da domenica e per altre due settimane»: la conferma di Acquaroli

  • Tragico schianto sulla provinciale, la vittima è Francesco Contigiani: aveva 43 anni

  • I rifugi di montagna più belli delle Marche

Torna su
AnconaToday è in caricamento